Istat, 618 mila giovani senza lavoro. Record di precari

1' di lettura

Aumenta dell'1,3% il tasso di disoccupazione giovanile che, secondo l’istituto di statistica, cresce a un ritmo tre volte più elevato rispetto a quello generale. Boom dei contratti a termine: sono 2,5 milioni

Continua a crescere la disoccupazione tra i giovani. Il tasso dei 15-24enni senza lavoro sale a luglio al 35,3% dal 33,9% di giungo (1,3 punti percentuali in più) e 7,4 punti rispetto a luglio del 2011. Lo rileva l'Istat sottolineando che il ritmo di crescita su base annua è tre volte più elevato del tasso generale. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 618mila e rappresentano il 10,2% della popolazione in questa fascia di età.
Nel secondo trimestre del 2012 invece il tasso di disoccupazione dei 15-24enni sale al 33,9%, dal 27,4% del secondo trimestre 2011. E' il tasso più alto, in base a confronti tendenziali, dal secondo trimestre del 1993, inizio delle serie storiche.
Il tasso giovanile nel secondo trimestre 2012 tocca un picco del 48% per le ragazze del Mezzogiorno.

Aumentano anche i precari - Record di precari nel secondo trimestre del 2012. I contratti a termine sono, infatti, quasi 2,5 milioni (2,455): si tratta del livello più alto dal secondo trimestre del 1993 sia in valore assoluto, sia per l'incidenza sul totale degli occupati che ha toccato il picco del 10,7%. Sommando i collaboratori al numero dei contratti a termine si arriva, poi, alla cifra record, di 3 milioni di precari.

Stabile il tasso generale in Italia - Resta stabile invece il tasso generale di disoccupazione a luglio, fermo al 10,7%, lo stesso di giugno (dato leggermente rivisto da 10,8%) e in crescita di 2,5 punti percentuali su base tendenziale. Il tasso di occupazione è stabile al 57,1% con un numero di occupati pari a 23,025 milioni.
Il numero dei disoccupati, pari a 2,764 milioni, registra invece un lieve calo dello 0,1% rispetto a giugno. Su base annua le persone in cerca di occupazione aumentano del 33,6% (695 mila unità).
Gli inattivi diminuiscono dello 0,2% rispetto al mese precedente. Il tasso di inattività è pari  al 36%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto a giugno.

Record disoccupazione anche in Europa - Il tasso di disoccupazione dell'eurozona è di nuovo record a luglio con l'11,3%, il livello più alto dalla creazione della moneta unica. Lo ha reso noto Eurostat, che ha rivisto al rialzo il dato di giugno, passato dall'11,2 all'11,3%. Stabile, ma sempre al livello record del 10,4%, il tasso nell'Ue a 27 paesi.

Leggi tutto