Evasione, ancora controlli a Cortina: tocca agli affitti

1' di lettura

Dopo il blitz dell'aprile scorso, agenti in borghese  hanno fermato i turisti davanti alle case di villeggiatura affittate per l'estate, chiedendo importi, numeri e riferimenti delle agenzie immobiliari o dei proprietari

Cortina d'Ampezzo ancora sotto la lente d'ingrandimento degli ispettori fiscali, questa volta della Guardia di Finanza, per verificare la trasparenza dei contratti di affitto delle case di vacanza.
Dopo il blitz dell'aprile scorso, agenti in borghese della Gdf - riferisce Il Corriere del Veneto - hanno fermato i turisti davanti alle case di villeggiatura affittate per l'estate, chiedendo importi, numeri e riferimenti delle agenzie immobiliari o dei privati dai quali le avevano avute.

I vacanzieri, anche in caso di un affitto 'in nero', non rischierebbero nulla. Diverso il discorso per chi ha dato le case in locazione, perché i guadagni devono ovviamente essere riportati nella prossima dichiarazione dei redditi.
I dati saranno poi girati dalla Gdf agli ispettori dell'Agenzia delle Entrate, per le successive verifiche sui 730. Si potrebbe pensare ad un accanimento verso la Regina delle Dolomiti, dopo l'eclatante operazione anti-evasione del Capodanno scorso. Ma dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Belluno assicurano che i controlli nella cittadina ampezzana questa volta "non nascondono alcun blitz", ma rientrano in un'attività "del tutto routinaria, svolta qui come altrove durante tutti i mesi dell'anno".
Al punto che non risulta nessun verbale, e quindi nessuna contestazione immediata per presunti affitti in 'nero' a Cortina, così come dalla Gdf non sono in grado di ricordare quando e quanti sono stati i controlli svolti a Cortina. Verifiche che, peraltro, sono state svolte durante l'estate dai finanzieri anche in altre capitali delle vacanze in Veneto, come Jesolo o Caorle.

Leggi tutto