Crisi, incontro Hollande-Merkel: "Serve più Europa"

1' di lettura

Il presidente francese incontra la cancelliera: "Vogliamo una più profonda unione economica, monetaria e politica". Berlino: "Solo con l'integrazione si può risolvere la crisi". Intanto il governo Monti riceve l'appoggio bipartisan per la politica europea

"Francia e Germania vogliono una più profonda unione economica, monetaria e politica": con queste parole, il presidente francese Francois Hollande ha accolto la cancelliera tedesca Angela Merkel a Parigi alla vigilia di un Consiglio europeo ritenuto decisivo per il futuro della zona euro.
"Vogliamo entrambi una più profonda unione per raggiungere integrazione e solidarietà", ha aggiunto il presidente francese.

Una posizione che, almeno a parole, sembra pienamente condivisa dalla cancelliera tedesca. Ci vuole "più Europa" per risolvere la crisi attuale, ha detto prima di aggiungere: spero che dopo i progressi fatti con l'approvazione del fiscal compact, "si possa decidere anche del futuro politico dell'Unione".
Il vertice franco-tedesco arriva dopo una giornata di dichiarazioni e trattative preparatorie al vertice europeo del 28 giugno, che ha registrato le dichiarazioni di esplicito sostegno da parte dei due paesi nei confronti del governo guidato da Mario Monti.

E Monti, al suo arrivo a Bruxelles, oltre che sulla riforma del lavoro (approvata nella serata di mercoledì 27 giugno), può contare sull'appoggio dell'intera maggioranza che lo sostiene per quanto riguarda la politica estera. Sempre nella serata del 27 giugno è arrivato infatti il sì bipartisan dell'aula della Camera a tutte le mozioni sulla politica europea, tranne quella della Lega che è stata respinta.

Leggi tutto