Draghi: "Non c'è crescita senza equità"

1' di lettura

Servono riforme del lavoro che sappiano coniugare "flessibilità e inclusione sociale" dice il presidente della Bce in un convegno alla Sapienza. "Lo scarso impiego dei giovani è uno spreco che non possiamo permetterci". Gli studenti lo contestano

Il sottoutilizzo delle risorse dei giovani "riduce in vari modi la crescita" e questo "oltre a ferire l'equità, costituisce uno spreco che non possiamo permetterci". A dirlo il presidente della Bce Mario Draghi ricordando nel corso di una lezione per ricordare l'economista Federico Caffè all'Università di Roma.

"Crescita e equità sono strettamente connesse" ha detto ancora Draghi, e "senza equità l'economia si frantuma in una moltitudine di gruppi di interesse", con "effetti negativi sulle capacità di crescita". Proprio "la recente storia italiana – secondo Draghi - non manca di esempi in questo senso”.

Per quanto riguarda il Belpaese poi Draghi ha sottolineato che "la debolezza degli ammortizzatori sociali si accompagna con una protezione relativamente elevata del posto di lavoro” e che "riforme del mercato del lavoro che sappiano coniugare flessibilità e mobilità, con l'equità e con l'inclusione sociale sono essenziali".

A proposito degli ammortizzatori sociali, poi, secondo il presidente della Bce, in Italia a fronte di un'incidenza della spesa sociale sul Pil in linea con quella Ue, quella di sostegno ai disoccupati alle famiglie, in particolare quelle a rischio povertà, "è su livelli pari a meno della metà rispetto a quelli europei, mentre la spesa pensionistica è nettamente superiore".

Alla fine del convegno, Draghi ha trovato un gruppo di studenti che lo hanno contestato, lanciando delle uova contro la sua macchina. "All'arrivo di Draghi - raccontano
gli studenti - la Polizia schierata ha circondato gli studenti che continuavano a manifestare pacificamente. Per diversi minuti è stato bloccato l'ingresso della facoltà di Economia. Alcuni di noi hanno trovato un varco, dalla mensa universitaria, e si sono messi a correre riuscendo dunque ad entrare nella facoltà, altri sei studenti sono stati manganellati e bloccati dagli agenti della polizia". 

Leggi tutto