Imu, spunta il pagamento in tre rate. Insorgono i Comuni

1' di lettura

L’annuncio di Gianfranco Conte, relatore al decreto legge sulla semplificazione fiscale. Resta da chiarire se la rateizzazione della nuova tassa municipale sugli immobili riguarderà solo le prime case. Delrio (Anci): “In caso contrario impatto devastante”

Guarda anche:
Tutte le notizie e le indiscrezioni sull'Imu

"Ci sarà sicuramente" la divisione dell'Imu in tre rate. Lo afferma il relatore al decreto legge di semplificazione fiscale, Gianfranco Conte. A margine dei lavori della commissione Finanze alla Camera, il relatore annuncia inoltre che le sue proposte di modifica saranno presentate lunedì 16 aprile.
E' ancora da chiarire se la rateizzazione riguarderà solo le prime case o interesserà l'Imu in generale e i tempi dei pagamenti: "ci stiamo lavorando", dice Conte. Possibilità di sconti potrebbero riguardare le case affittate a  canone concordato e per le dimore storiche. Tra le novità dovrebbe arrivare anche lo sblocco delle risorse per il trasporto pubblico locale e per l'edilizia scolastica, "frutto di un accordo tra regioni e governo", afferma il relatore. Nel provvedimento potrebbero entrare anche misure che riguardano il patto di stabilità interno e la  questione degli energivori ma, vista l'estraneità di materia, "vedrò prima se c'è il consenso di tutti i gruppi".

Nessuno sconto, invece, per le abitazioni degli anziani che vanno a vivere nelle case di riposo: "Sono contrario" perché, dice il relatore, "rischiamo un problema sociale. Non vorrei che i figli mandassero i genitori negli ospizi per affittare le case in nero". Altro stop arriva anche sulle modifiche per le fondazioni bancarie: "Non è vero che le fondazioni bancarie non pagano l'Imu, è un falso problema", quindi non ci saranno modifiche.
Gli emendamenti del relatore dovrebbero arrivare entro le 10 di lunedì, mentre alle 12 scade il termine per i subemendamenti; le votazioni dovrebbero iniziare alle 14. Intanto Pd e Pdl hanno già presentato una lista di 76 proposte di modifica su cui concentrare l'attenzione. In particolare 32 emendamenti sono stati segnalati dal  Popolo delle libertà e 44 dal Partito democratico.

"Se la rateizzazione dell'Imu sarà solo sulla prima casa non avrà grandi effetti, se viceversa riguarderà anche la seconda casa avrà un impatto devastante". Così Graziano Delrio, presidente nazionale dell'Anci, l'Associazione nazionale dei comuni italiani, sulla proposta del relatore al decreto fiscale Gianfranco Conte di tre rate per il pagamento dell'Imu.
"Per la prima casa - ha aggiunto, a margine di un convegno sui giovani amministratori organizzato dall'Anci del Piemonte - un'eventuale rateizzazione tra giugno, settembre e dicembre non dovrebbe avere grandi effetti perché si anticipa un pezzo di dicembre e si posticipa un pezzo di giugno, se invece la rateizzazione riguarda anche le seconde case la questione si fa molto molto complicata".

Leggi tutto