Nuovo tonfo di Piazza Affari, bruciati 11 miliardi di euro

1' di lettura

La Borsa di Milano ha lasciato sul terreno il 3,43%, chiudendo la settimana con un’altra pioggia di vendite a conferma che il trend di periodo è decisamente negativo. Lo spread tra Btp e Bund sale fino a 382 punti

BORSE IN PICCHIATA: I DATI

(in fondo all'articolo tutti i video sulla crisi)

Non sarà stato un venerdì nero, o nerissimo, ma la chiusura settimanale delle Borse europee non fa certo sorridere gli operatori e gli investitori in generale. Piazza Affari, dopo il tonfo del 10 aprile, chiude in decisa perdita: il Ftse Mib lascia sul terreno il 3,43% a 14.359 punti. Bruciati in una sola seduta 11,33 miliardi di euro di capitalizzazione. Il dato è calcolato in base al calo del 3,16% registrato dall'indice Ftse All Share, riferito all'intero listino milanese.
Lo spread tra il Btp e il Bund sale a 382 punti base. Il rendimento del decennale è al 5,54%. Vola a 426 punti invece base il differenziale tra i titoli decennali iberici e quelli tedeschi. Il tasso sui bonos sale al 6%.

Piazza Affari chiude dunque la settimana con un'altra pioggia di vendite, a conferma che il trend di periodo è decisamente negativo. I timori sui titoli di stato spagnoli, argomentano gli operatori, continuano a generare dubbi sulla solidità del debito dei paesi periferici della zona euro. Inoltre, si vanno moltiplicando i segnali di rallentamento della crescita a livello mondiale: la Cina ha archiviato il primo trimestre con il più basso incremento del Pil degli ultimi tre anni.
Indicazioni negative anche sugli Usa: ad aprile, la fiducia dei consumatori ha registrato una contrazione inattesa.

Nemmeno i risultati trimestrali oltre le attese di JP Morgan , un benchmark dell'andamento delle banche d'affari, hanno contribuito a riportare il sereno fra gli investitori.
In chiusura, l'indice FTSE Mib ha perso il 3,43%, a 14.359,50 punti, dopo aver toccato un minimo di 14.292,33 punti, rompendo la fascia critica 14.400-14.500 punti e scivolando sui minimi dal 28 novembre scorso. L'AllShare  è sceso del 3,16% e il MidCap dell'1,9%. Volumi per un controvalore di circa 1,9 miliardi.

Leggi tutto