Landini (Fiom): "L'articolo 18 è indiscutibile"

1' di lettura

Il leader dei metalmeccanici della Cgil conferma il no della sua organizzazione sindacale a modificare la norma a tutela dei lavoratori: "Bisognerebbe accelerare i processi che durano a volte anche quattro-cinque anni". VIDEO

Guarda anche:
Istat, in Italia donne sempre più precarie
L'Italia che lotta per non perdere il lavoro

(in fondo all'articolo tutti i video sulla riforma del lavoro)

"L'articolo 18 è indiscutibile". E' quanto dice a a SkyTG24 il segretario della Fiom Maurizio Landini.
"L'unico problema - spiega il leader dei metalmeccanici della Cgil - che oggi esiste è che bisognerebbe accelerare i processi che durano a volte anche quattro-cinque anni. Vorrei inoltre ricordare - ha aggiunto - che i casi di utilizzo dell'articolo 18 sono molto limitati e questo significa che quella norma funziona. Io mi concentrerei piuttosto - ha concluso - su come si creano più posti di lavoro e come si supera la precarietà".

La riforma del mercato del lavoro è da ormai diverse settimane al centro del dibattito politico: il governo Monti, infatti, ha annunciato un'imminente disegno di legge e il ministro Fornero è più volte intervenuta, affermando di voler puntare sui sussidi di disoccupazione.

Leggi tutto