Fisco: a Milano blitz anti-evasione "stile Cortina"

1' di lettura

Fiamme Gialle nei locali della movida milanese, da Corso Como fino ai Navigli. Controlli eseguiti insieme a funzionari dell'Inps e alla polizia municipali. Oltre agli incassi, sotto esame anche i contratti e le licenze. VIDEO

Guarda anche:
Evasione fiscale, un'emergenza da 150 miliardi l'anno
Evasione, sul web arrivano gli attivisti dello scontrino
Cortina e il blitz anti-evasione: nei negozi +400% d'incassi
Befera: "Bisogna fare paura agli evasori"

Milano come Cortina. Almeno per il Fisco. Alle ore 21 di sabato 28 gennaio, mentre iniziava la movida milanese, la Guardia di Finanza ha dato il via ad un'operazione anti-evasione simile a quella effettuata a Cortina d'Ampezzo e a Roma. Funzionari dell'agenzia delle Entrate si sono presentati negli esercizi delle zone più frequentate del sabato sera per verifiche e controlli .

Bar, birrerie e locali nella zona di piazza san Babila, Brera e dei Navigli, gli esercizi principalmente interessati dall'operazione delle Fiamme giall, avvenuti anche nella zona di via Montenapoleone e Corso Como. L'operazione è stata condotta congiuntamente con la polizia municipale e anche con i funzionari dell'Inps. I controlli, oltre agli scontrini fiscali, hanno riguardato anche la regolarità delle licenze, dei certificati antincendio e dei contratti di lavoro. Gli incassi della serata sottoposta ai controlli, verranno poi confrontati con quelli delle altre serate.

La nuova strategia dell'Agenzia delle Entrate, di eseguire a sorpresa controlli a tappeto, è stata inaugurata, non senza polemiche, lo scorso 30 dicembre a Cortina d'Ampezzo. In quell'occasione vennero scovati 42 proprietari di auto di lusso che denunciavano redditi interiori a 30mila euro. Inoltre quasi tutti gli esercizi controllati quel giorno hanno registrato un notevole incremento nelle fatturazioni, fino al 400%. Fatto questo che non aveva mancato di sollevare l'ironia delle Fiamme Gialle.

Leggi tutto