Successo per l'asta dei Bot: cala lo spread, vola la Borsa

1' di lettura

Il Tesoro ha collocato tutti i titoli per 12 miliardi e con rendimenti più che dimezzati. La notizia è stata accolta con un balzo di Piazza Affari, mentre è tornato sotto la soglia dei 500 punti base il differenziale tra Btp italiani e Bund tedeschi

Guarda anche:
Spread? Swap? Il dizionario della crisi economica
Monti: "L'Italia ha fatto sacrifici, l'Ue ci venga incontro"
Liberalizzazioni, via i vincoli su benzina, notai e farmaci

(In fondo all'articolo tutti i video sulla crisi)

Successo per l'asta di Bot: giovedì 12 gennaio il Tesoro ha collocato titoli per 12 miliardi con rendimenti più che dimezzati. In dettaglio, sono stati venduti 8,5 di Bot a 12 mesi al  2,735% e 3,5 mld di Bot semestrali a un tasso dell'1,644%.
Si tratta ovviamente di una buona notizia per l’Italia e infatti è stata subito accolta con un balzo di Piazza Affari. A ridare fiato al paese anche l’abbassamento dello spread, salito vertiginosamente negli ultimi giorni fino a superare i 520 punti base, e tornato dopo il boom dell’asta dei Bot sotto quota 480.

Bot, rendimenti più che dimezzati - Il ministero dell'Economia ha collocato l'intero ammontare di 12 miliardi di Bot a 12 mesi e 136 giorni. Nel dettaglio, sono stati assegnati tutti gli 8,5 miliardi di Bot annuali offerti, a fronte dei 7,7 miliardi in scadenza, al tasso medio di 2,735% - minimo da giugno - in netto calo dal 5,952% di metà dicembre e in ulteriore discesa dal picco dalla nascita dell'euro visto a novembre, quando il rendimento era schizzato al 6,087%.
Collocati inoltre tutti i 3,5 miliardi del Bot flessibile 31 maggio 2012 a un tasso medio di 1,644%, con un rapporto tra domanda e offerta pari a 1,853.

Torna giù lo spread - Il differenziale di rendimento tra i Btp italiani e i Bund tedeschi a dieci anni continua il movimento in calo, scendendo fino a 477 punti base dopo il buon esito dell'asta sui Bot. Si tratta del minimo dal 21 dicembre. Poco prima del risultato dell'asta il differenziale era a 485 punti base, già in netto calo rispetto al livello di 521 di mercoledì sera.
Si restringe anche il differenziale tra i titoli italiani e i titoli spagnoli a dieci anni, che scende a 138 punti base, valore più basso nell'ultimo mese. In reazione all'asta, i rendimenti dei titoli benchmark italiani calano in maniera significativa: il tasso del Btp decennale scende di 40 punti base rispetto a ieri a 6,662%, mentre il due anni cede 63 pb a 4,19%.

Leggi tutto