Cortina, dopo il blitz anti-evasione restano le polemiche

1' di lettura

Il sindaco Franceschi a SkyTG24: "Non ce la siamo presa per i controlli ma per il modo plateale con cui sono stati fatti. L’Agenzia avrebbe potuto ottenere in altri modi le stesse informazioni". Ma intanto ora tremano anche le altre località turistiche

Guarda anche:
Cortina e il blitz: nei negozi +400% d'incassi
Evasione fiscale, un'emergenza da 150 miliardi l'anno
Evasione, sul web arrivano gli attivisti dello scontrino
Befera: "E' finito il tempo del segreto bancario"

Cortina non ci sta. Il blitz del 30 dicembre degli uomini dell'Agenzia delle entrate, e i numeri diffusi il 4 gennaio sul boom degli scontrini fiscali emessi quel giorno e sui "furbetti del fisco" pizzicati nella località turistica, non vanno giù a molti cittadini. Che adesso temono il fuggi-fuggi dei turisti.
Il sindaco Andrea Franceschi è categorico: “Non ce la siamo presa per i controlli fiscale o per la lotta all’evasione che è sacrosanta - spiega a SkyTG24 - Ce la siamo presa per il modo molto plateale con cui sono stati portati avanti qui a Cortina. Fermare le automobili così, ricordava più Hollywood che un paese normale. Sono informazioni che l’Agenzia delle entrate avrebbe potuto avere incrociando i dati dell’Aci”.

Intanto la notizia dei 42 possessori di auto di lusso fermati che dichiarano un reddito inferiore a 30 mila euro, insieme al boom delle vendite dello scorso 30 dicembre (che ha spinto l'Agenzia delle entrate a ironizzare: "Portiamo fortuna"), hanno scatenato un'accesa discussione nell'opinione pubblica.
Ma non solo. Il terremoto provocato dal blitz di San Silvestro a Cortina fa tremare anche le altre località turistiche di elite. A Courmayeur, in Valle d'Aosta, comincia a serpeggiare il timore di una visita degli ispettori dell'Agenzia delle entrate. "Accadesse durante il pienone di queste vacanze - commenta il presidente degli albergatori di Courmayeur, Alessio Berthod - sarebbe penalizzante. I nostri turisti stranieri non capirebbero questa bizzarra iniziativa". Il giudizio di Berthod sui controlli a Cortina non è positivo: "Come potremmo spiegare agli inglesi, ai francesi, agli americani un clima da Stato di polizia nei giorni di Capodanno? Si chiederebbero ciò che ci chiediamo anche noi: a cosa servono?".

Leggi tutto