Asta Btp record: toccato il tasso più alto dal 1997

1' di lettura

Collocati titoli per 3 miliardi. Interessi al 6,29%, mai così alti nell'era Euro. Secondo gli analisti il dato conferma quanto indicato dai mercati: "Ci vorra tempo perché il rendimento si sistemi". Nota positiva: la domanda è stata superiore all'offerta

Guarda anche:
Il dizionario della crisi economica
Crisi economica: ecco come seguirla su Twitter
Debito, in rete partono i gruppi di acquisto (solidale)

Il Tesoro italiano ha collocato Btp a 5 anni per un valore complessivo di 3 miliardi di euro, con un rendimento del 6,29%. La nota nota positiva è che si è registrata un aumento della domanda da parte di investitori che chiedono titoli italiani. A fronte di 3 miliardi offerti, le richieste sono state di 4,406 miliardi. Ma il tasso d'interessi che lo Stato dovrà pagare è il  più alto dal 1997 e dall'introduzione dell'euro.

Si tratta però di un dato, a detta degli gli analisti, che conferma quanto indicato dai mercati nelle scorse settimane. Secondo Alessandro Giansanti di Ing, "è positivo il fatto che abbiano collocato tutto l'ammontare e che il rendimento sia risultato inferiore rispetto a quello che si è visto sul mercato in mattinata." Certo, continua l'analista, "non si può non ricordare il fatto che rispetto a un mese fa il rendimento è salito di 100 punti base rispetto a settembre. Nel prossimo collocamento ci deve essere assolutamente un'inversione di tendenza per riportare il tasso a un livello sostenibile".

Simile il commento di Alessandro Tentori di Bnp Paribas, secondo cui da un lato "la copertura è stata più alta rispetto all'asta di ottobre", ma "il tasso è quasi 100 punti base più alto".  Più ottimista Luca Jellinek di Calyon, secondo cui "l'asta ha visto una copertura decorosissima con un bid-to-cover a 1,47 che è superiore alla media di quest'anno. Certo, il rendimento è alto, ma ci vorrà del tempo perchè si sistemi".

Leggi tutto