Borse europee positive in attesa del G20 a Cannes

1' di lettura

Piazza Affari sale del 2,31%. Lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi si attesta sui 433 punti. Tensioni dopo la decisione di Atene di procedere con il referendum sul piano di aiuti europeo. Merkel avverte: “C’è bisogno di chiarezza"

Guarda anche:
Grecia: referendum sul piano di salvataggio
Spread: ecco cosa significa
Cosa sono le vendite allo scoperto
Borse in calo e attacchi speculativi: istruzioni per l'uso

Nuova giornata con il fiato sospeso per le borse. I mercati europei restano in altalena tutto il giorno, per poi chiudere la seduta in rialzo.
Le contrattazioni risentono del colpo di scena del premier greco, che ha annunciato il referendum sul piano di aiuti europeo, e dell'attesa per il vertice del G20 che si aprirà ufficialmente a Cannes giovedì 3 novembre. Riflettori puntati anche sulle decisioni che il governo italiano assumerà in queste ore: si terrà stasera un consiglio dei Ministri straordinario che dovrebbe varare un decreto legge ad hoc contenente nuove misure per fronteggiare la situazione economica. Non è però escluso anche un maxiemendamento al ddl Stabilità ora all'esame del Senato.
Intanto, si susseguono gli incontri a livello tecnico e politico: nella mattinata del 2 novembre, in un vertice-fiume, il premier Silvio Berlusconi ha avuto un lungo colloquio con i ministri economici per mettere a punto i nuovi interventi.

Borse in territorio positivo - Dopo il tracollo di martedì 1 novembre, le borse europee hanno chiuso in positivo, sulla scia di Wall Street, una sessione dominata da forte volatilità a causa delle incertezze sulla crisi del debito.
A trainare al rialzo i listini europei l'andamento della borsa Usa che procede in territorio positivo dopo la pubblicazione dei dati macro-economici e delle attese per la decisione della Fed, ampiamente prevista, di lasciare i tassi invariati.
Le stime sull'occupazione nel settore privato negli Stati Uniti sono state migliori delle attese.
L'indice Ftse 100 a Londra guadagna l'1,15% a quota 5.484, 10 punti, il Cac 40 di Parigi avanza dell'1,38% a 3.110,59 punti e il Dax 30 di Francoforte che registra un progresso del 2,25% a quota 5.965,63 punti.
In rialzo anche l'Ftse Mib che sale del 2,31% a 15.273,31 punti. In controtendenza l'Ibex di Madrid che lima lo 0,06% a 8.574,5 punti e l'Ftse Ase di Atene che segna un -0,16% a quota 287,730 punti.

Lo spread tra Btp e Bund, intanto, risale intanto oltre i 440 punti, mentre all'avvio delle contrattazioni si era attestato a 438,2 punti. Il rendimento dei Btp è attualmente al 6,249%.

In attesa del G20 - Occhi puntati sul vertice del G20 che si apre ufficialmente il 3 novembre a Cannes e sull'incontro tra Sarkozy e Merkel con il premier greco Papandreou, all'indomani dell'annuncio del referendum.
"Il nuovo piano di aiuti alla Grecia non può essere rinegoziato", ha fatto sapere il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle. Non solo, ma il portavoce del governo tedesco ha fatto sapere che "il tempo è scaduto", chiedendo ad Atene di fare "chiarezza".
E in vista del vertice, il Papa ha chiesto ai capi di Stato e di Governo che "l'incontro aiuti a superare le difficoltà che, a livello mondiale, ostacolano la promozione di uno sviluppo autenticamente umano e integrale". Del vertice che si apre in Francia, per "esaminare le principali problematiche connesse con l'economia globale", il Pontefice ha parlato al termine dell'Udienza Generale.

L'appello di Barroso - Anche il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha rivolto un appello "urgentissimo e accorato" all' "unità politica e nazionale" in Grecia. "Senza accordo" sulle misure Ue-Fmi, ha scritto Barroso in una nota, "le condizioni per i cittadini greci diventeranno molto più dolorose".

Leggi tutto