E' Ignazio Visco il nuovo governatore di Bankitalia

1' di lettura

L'indicazione del premier è stata resa nota dopo che Berlusconi e Letta erano stati ricevuti al Quirinale. Per fonti del Consiglio Superiore di via Nazionale si tratta di una "scelta valida". Bersani: "Risponde ai requisiti di autorevolezza e autonomia"

Guarda anche:
Braccio di ferro su Bankitalia
Bankitalia, il governo resta diviso: stallo sulla nomina
Scontro su Bankitalia nel governo

E' Ignazio Visco il nuovo governatore di Bankitalia. L'indicazione che il premier Silvio Berlusconi darà al Consiglio superiore della Banca d'Italia è stata resa nota dopo che il presidente del Consiglio e il sottosegretario Gianni Letta sono saliti al Quirinale per discutere la nomina col presidente Napolitano. Attuale vicedirettore generale della Banca d'Italia, il nome di Visco è una sorpresa rispetto a quelli che erano circolati finora come il direttore generale di Bankitalia Fabrizio Saccomanni, il direttore generale del Tesoro Vittorio Grilli e il  membro del Consiglio della Bce Lorenzo Bini Smaghi.

Il lungo braccio di ferro sulla nomina all'interno della maggioranza ha scatenato molte polemiche . Il modo in cui si è gestita le designazione "certamente non è piacevole: in genere queste decisioni si prendono rapidamente per evitare la ridda di voci", era stato il commento di autorevoli fonti del Consiglio Superiore di via Nazionale, che esprimevano "preoccupazione per come si sono svolte le cose". "Una scelta valida" è stato poi il commento delle fonti alla designazione.
Da via Nazionale si precisa comunque che il Consiglio "non può esprimersi ufficialmente prima di aver visto la lettera del presidente del Consiglio".

"Il nome di Ignazio Visco risponde ai requisiti di "autorevolezza e autonomia" necessari a guidare Bankitalia ha detto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani.  "La nomina di Ignazio Visco merita  un bel 10, il Governo un 4 per la gestione" il commento del leader dell'Udc Pierferdinando Casini.
Il vice-direttore generale di Bankitalia gode di un ottimo ottimo rapporto personale e di stima con il ministro dell'Economia Tremonti. I due hanno lavorato fianco a fianco durante tutto l'ultimo G20 che si è tenuto a Parigi, seduti vicini sia durante i lavori sia alla cena di gala ufficiale.

Meno entusiasta il leader della Lega Umberto Bossi: "Noi avevamo puntato su un altro", ha detto con riferimento a Vittorio Grilli. E alla domanda se sia stato il Presidente della Repubblica a imporre una soluzione interna ha risposto: "Napolitano è stato presente". "Un po' di discontinuità non avrebbe fatto male, spero che il nuovo governatore riveda quella serie di privilegi che Bankitalia e i suoi dipendenti hanno", ha detto il leghista Matteo Salvini ai microfoni di SkyTG24.

Guarda il video

Leggi tutto