Marcegaglia: "Il condono? Premia i furbi, logica sbagliata"

1' di lettura

Il numero uno di Confindustria, intervistata da Fabio Fazio, boccia l'ipotesi di una nuova sanatoria. Smentisce una sua discesa in politica, come leader del Terzo Polo, e sulla Fiat assicura: "Penso che manterrà i suoi investimenti in Italia"

"La logica del condono dà un messaggio assolutamente sbagliato, in un certo senso premia i furbi e noi abbiamo invece bisogno che tutti paghino le tasse e rispettino le regole: quindi non credo che sia la scelta giusta". Così il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, a Che tempo che fa intervistata da Fazio, interviene sul tema che agita la maggioranza di governo.

La possibilità di una nuova sanatoria era stata smentita da Palazzo Chigi, avversata da Tremonti ma rilanciata, sabato 8, dal capogruppo Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto. L'ultimo a esprimere perplessità, domenica 9, è stato il ministro delle Riforme, Umberto Bossi (GUARDA IL VIDEO).

Non manca anche un riferimento al decreto sviluppo che per Marcegaglia potrebbe essere  "l'ultima chance del governo per far uscire l'Italia dalla Crisi".

Il numero uno di Confindustria smentisce poi le voci che la vorrebbero alla guida del Terzo Polo: "Assolutamente no, con Casini non ci siamo parlati, lo stimo, siamo amici, ma non c'è un dibattito su questo tema". "Sono illazioni - ha proseguito Marcegaglia -, talvolta strumentalizzazioni, il 24 maggio quando scadrà la mia presidenza di Confindustria, torno a fare imprenditore e la mamma a tempo pieno, ho figlia di 8 anni e mezzo che non vedo mai, non sono interessata a fare il leader del Terzo Polo in nessun modo".

Da Emma Marcegaglia arriva anche un commento sulla posizione della Fiat che nei giorni scorsi è uscita da Confindustria: "Sinceramente penso che la Fiat manterrà i suoi investimenti in Italia come ha detto" (GUARDA BEAUTIFUL LAB DEDICATO ALLA FIAT).

Leggi tutto