Inps: forte calo della richiesta di pensioni

1' di lettura

Con l'entrata in vigore della "finestra mobile" e dell'aumento di un anno dell'età minima pensionabile, nei primi 8 mesi dell'anno gli assegni sono passati da 257.940 a 208.134 (-19,3%)

Guard anche:
Pensioni, tra riforme e polemiche
Manovra, dalle pensioni all'Iva tutti i cambiamenti

Forte calo delle pensioni nei primi otto mesi dell'anno grazie all'effetto combinato delle riforme e della manovra correttiva: tra gennaio ed agosto l'Inps ha erogato 208.134 nuovi assegni a fronte dei 257.940 dello stesso periodo 2010 con una riduzione del 19,4%. Nel 2011 sono entrate in vigore le norme sull'aumento dell'età minima per la pensione di anzianità (passata da 59 a 60 per i dipendenti, da 60 a 61 per gli autonomi) ma soprattutto quelle sulla cosiddetta "finestra mobile" prevista dalla manovra 2010 che stabilisce che la pensione decorra 12 mesi dopo il raggiungimento dei requisiti (18 per gli autonomi). "I dati dimostrano - ha detto il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua - che le riforme hanno funzionato".

Maroni: no all'abolizione delle pensioni di anzianità - E sul tema delle pensioni di anzianità mette un punto fermo il ministro dell'Interno Roberto Maroni: "Si può discutere in maniera intensa su tutto tranne che su un punto, l'abolizione delle pensioni di anzianità, che è il chiodo fisso di Confindustria ma è una cosa ideologica", ha detto il ministro definendo comunque "sacrosante" le richieste degli industriali per lo sviluppo.

L'effetto "finestra mobile" -
Il calo del numero di nuovi assegni erogati è stato consistente soprattutto per le pensioni di vecchiaia, passate dalle 115.812 accertate nei primi 8 mesi del 2010 a 87.894 accertate nello stesso periodo del 2011 (-24,1%). In questo caso ha influito soprattutto l'effetto "finestra mobile". Nel 2010, infatti, per l'uscita dal lavoro con l'età di vecchiaia erano disponibili nell'anno quattro finestre e quindi l'attesa per l'uscita per i dipendenti si aggirava tra i 3 e i 6 mesi (a seconda della data di nascita) invece dei 12 attuali. La finestra mobile non ha comunque ancora dispiegato tutti i suoi effetti dato che coloro che hanno raggiunto i requisiti per la pensione entro il 2010 hanno potuto utilizzare le "vecchie" finestre per uscire nel 2011 (le ultime sono state aprile per i dipendenti, luglio per gli autonomi).
Per le pensioni di anzianità si è verificato un calo del 15,4% con un numero di pensioni accertate nei primi otto mesi passate dalle 142.128 del 2010 a 120.240 del 2011. Per la pensione anticipata rispetto all'età di vecchiaia l'inasprimento dei requisiti di un anno scattato nel 2011 era previsto dalla riforma del 2007 che ha modificato lo "scalone" della riforma Maroni.

Forte calo delle richieste di pensioni di anzianità per i lavoratori dipendenti - Sono rimasti "incastrati" dalla misura sulla finestra mobile per ora soprattutto i lavoratori dipendenti: nei primi otto mesi del 2011 sono usciti con una pensione di vecchiaia solo in 43.221 a fronte dei 68.070 dei primi otto mesi del 2010 (-36,5%) mentre per i coltivatori diretti, artigiani e commercianti i cali sono stati molto meno consistenti avendo potuto utilizzare, nel caso di requisiti raggiunti entro il 2010 la finestra di luglio.
I lavoratori dipendenti che sono usciti l'hanno fatto quasi esclusivamente con le vecchie regole (oltre 38.000 nelle finestre di gennaio e di aprile) mentre grazie alle nuove regole le uscite da aprile in poi si sono di fatto bloccate.

Sul calo - ha spiegato il presidente dell'Inps Mastrapasqua - ha inciso di più l'effetto finestre piuttosto che l'inasprimento dei requisiti per l'anzianità. E in questi dati - ha precisato - non c'è ancora l'effetto della misura che innalza l'età collegandola all'aspettativa di vita (la misura partirà nel 2013) né quella sull'aumento dell'età per chi ha almeno 40 anni di contributi (che partirà nel 2012 con un mese per poi arrivare a tre nel 2014).

Leggi tutto