Borse, Piazza Affari chiude a +4,1%

1' di lettura

Dopo la tempesta del mercoledì nero che ha portato gli indici ai livelli del 2009, Milano chiude in forte rialzo, al termine di una giornata di alti e bassi. Bene tutte le europee sulla scia di Wall Street, che chiude in rialzo

Guarda anche:
Mercoledì nero delle Borse, Milano -6,6%
Crisi, Obama: "Noi saremo sempre da tripla A"
Crisi economica: ecco come seguirla su Twitter

Dopo la tempesta del mercoledì nero che ha portato gli indici ai livelli del 2009, bruciando in Europa 174 miliardi di capitalizzazione, Piazza Affari chiude una giornata altalenante con un +4,1% dell'indice Ftse Mib.
Ancora molto elevati gli scambi (3,6 miliardi di euro) con alcuni rally notevoli, come quello dalla Banca popolare di Milano, cresciuta di oltre il 10%. Molto bene anche Intesa SanPaolo, che ha recuperato più del 6%, mentre Unicredit (+3,4%) è tornata a quota un euro, con la Consob che si riunirà prima dell'avvio della prossima seduta per eventuali provvedimenti proprio contro le vendite allo scoperto.

Bene le piazze del Vecchio Continente - Bene anche le altre piazze europee. Dopo una giornata convulsa, in cui i titoli bancari hanno fatto temere un nuovo crollo delle Borse, i listini del vecchio continente, nel finale, hanno preso il volo sulla scia di Wall Street e dell'annuncio del vertice Merkel-Sarkozy.
L'indice Stxe dei 600 principali titoli europei è così cresciuto del 3,16%, che equivale al maggior rialzo dal maggio 2010 e al recupero di 141 miliardi di euro di capitalizzazione. Chi ha corso di più è stata Zurigo (+5%) dopo che la Banca centrale elvetica ha detto di non scartare "alcuna misura" per frenare l'apprezzamento del franco svizzero. Ma subito dietro segue Milano, in crescita finale del 4% e un recupero di capitalizzazione di 13,8 miliardi di euro. Londra ha chiuso a +3,11%, Parigi a +2,89%, Francoforte  +3,28%.

Wall Street chiude in rialzo - Chiusura in forte rialzo anche per Wall Street dopo il tonfo di mercoledì. Il Dow Jones si è attestato sul 3,90%, a 11.142,78 punti, mentre l'indice Nasdaq ha messo a segno un +4,69%, a 2.492,68 punti. Bene anche lo S&P 500 che ha chiuso a +4,61%, a 1.172,46 punti.

Migliorano i titoli di Stato - Il rendimento pagato dal Btp decennale è sceso in giornata sotto il 5% per la prima volta dallo scorso 5 luglio. Mentre gli operatori segnalano anche oggi acquisti da parte della Banca centrale europea, il rendimento decennale è arrivato al 4,994%. In netto calo lo 'spread' con i bund tedeschi, che ha toccato un minimo di seduta a 273 punti.

Tokyo contiene le perdite  - La bufera che ha investito mercoledì i mercati occidentali ha solo sfiorato le principali borse di Asia e Pacifico, che, dopo un avvio pesante, hanno man mano ridotto le perdite fino a chiudere poco sotto al pareggio, con Tokyo in calo dello 0,6%, Sidney (-0,1%) stabile e Shanghai e Seul (+0,7% entrambe) addirittura positive.
I mercati asiatici hanno infatti invertito la rotta spinti dai futures su Wall Street (+186 punti base i contratti sul Dow Jones Industrial), che, all'indomani della tempesta, sono tornati a segnare il bel tempo come se niente fosse, e da una serie di risultati economici migliori delle attese, segno che l'economia reale, nonostante tutto, marcia ancora. E' il caso di Nikon (+8,29%), colosso delle fotocamere e di Sumitomo Rubber Industries (+3,85%), gigante della gomma. Difficoltà invece per gli automobilistici Mazda (-4,86%), Nissan (-3,95%), Honda (-3,53%) e Toyota (-2,2%), frenati dal superyen e dall'esposizione verso i mercati occidentali.

Leggi tutto