Borse, venerdì nero per le piazze europee

1' di lettura

Milano chiude a -0,70%, mentre Francoforte cede il 2,78%. Parigi apre con -6% e recupera fino a -1,26%. Record negativo per lo spread. Rehn: "L'Italia è sulla giusta strada ma acceleri le riforme"

Guarda anche:
Borse, allarme rosso. Gli analisti: fare qualcosa subito
Le parti sociali al governo: non si può più aspettare
Berlusconi: "Investirei nelle mie aziende"
Il discorso di Berlusconi in Parlamento: VIDEO

(In fondo all'articolo tutti i video sulla crisi economica)

E' ancora caos sui mercati. La giornata di venerdì 5 agosto, che chiude una delle settimane più dure per la finanza mondiale, ha fatto temere il peggio all'apertura (con Parigi che era crollata a -6%), salvo poi riuscire a recuperare posizioni. L'apertura di Wall Street, nel primo pomeriggio, ha nuovamente frenato il trend positivo, con tutte le piazze europee che hanno chiuso con il segno meno davanti. Milano, dove per un tilt il dato definitivo viene dato solo un'ora dopo la chiusura, si perde lo 0,70%. Maglia nera a Francoforte, dove il Dax cede il 2,78% a 6.236,16 punti. Pesante anche Londra, con il 'footsie' sotto del 2,71% a 5.246,99 punti. Perde l'1,26% a 3.278,56 punti il Cac40 di Parigi. L'Ase di Atene lascia sul terreno il 2,35% a 459,09 punti.

A fronte della crisi dei mercati Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti hanno indetto una conferenza stampa in cui hanno annunciato ulteriori provvedimenti per evitare ulteriori attacchi speculativi.

Rehn: "Sulla stra giusta per il risanamento" - La situazione di emergenza ha spinto il commissario Ue per gli affari economici e monetari Olli Rehn a convocare una conferenza stampa "sugli sviluppi della situazione nell'Eurozona", durante la quale ha chiesto all'Italia di accelerare sulle riforme. Per il commissario Ue però né il nostro Paese né la Spagna hanno bisogno di un piano di salvataggio perché sono sulla strada giusta per il risanamento.

Spread sotto osservazione - Le brutte notizie per l’Italia arrivano però anche dai dati sullo spread: il rapporto fra Btp e il Bund tedesco ha sfondato in apertura quota 400 superando il livello di quello fra il decennale tedesco e i titoli spagnoli (404,5 punti) e segnando l'ennesimo record negativo, tornando poi verso sera sotto i 400 punti.
Raffica di sospensioni già nei primi minuti di scambi in Piazza Affari con 10 titoli fermati per eccesso di volatilità.   

Gli analisti: "Fare qualcosa subito" - Giornali, opinionisti ed esperti di economica, intanto, incalzano il governo a fare di più. "Quando la casa brucia è la variabile tempo a diventare decisiva", scrive il Sole24Ore. E per l'economista Nouriel Roubini "in Italia la situazione sta diventando drammatica".

Tutti i video sulla crisi economica:

Leggi tutto