Borse in rosso, Milano perde il 5,16%

1' di lettura

Male tutti i mercati europei. Piazza Affari sospende il Ftse Mib prima della chiusura per un guasto tecnico. Nuovo record dello spread tra Bpt e bund tedeschi. Trichet: "L'Italia anticipi il risanamento". Giù anche Wall Street

Guarda anche :
Le parti sociali al governo: non si può più aspettare
Berlusconi: "Investirei prepotentemente nelle mie aziende"
Crisi, Casini: "Noi ci siamo. Il governo si svegli”
Il discorso di Berlusconi in Parlamento: VIDEO

Sprofonda la Borsa di Milano . Nel giorno dell' incontro tra governo e parti sociali sulla crisi economica, a Piazza Affari il Ftse Mib ha perso il 5,16% a 16.128, punti. Il dato è stato comunicato un'ora e mezza dopo la chiusura degli scambi. Il calcolo del Ftse Mib è stato sospeso infatti alle 17 precise per ragioni tecniche e solo alle 19 è stato comunicato il dato della chiusura ( Guarda l'andamento di tutti gli indici ). La Borsa ha poi reso noto che si è trattato di un problema nella "distribuzione dei dati attraverso alcuni canali di informativa", ma nonostante i problemi di diffusione dei dati, "i mercati hanno continuato a funzionare regolarmente".

Maglia nera Intesa Sanpaolo - Giornata nera a Piazza Affari dove si sono registrate vendite su quasi tutti i titoli e su tutti i listini: Intesa Sanpaolo ha indossato la maglia nera, con un calo del 10,35%, poco dietro a Fiat (-10,03%) e Unicredit (-9,33%).  Forte tensione anche su Fiat Industrial (-9,15%), Pirelli (-6,53%) ed Exor (-4,9%), mentre Italcementi (+1,26%) è stato l'unico titolo del paniere di riferimento a muoversi in controtendenza.
Lo spread tra Bpt e bund tedeschi, è tornato a quota 390,2 superando così il record di 390 punti base toccati mercoledì 3 agosto, per poi rallentare a fine seduta.

Crollano le piazze europee - Male anche gli altri mercati europei. La Borsa di Parigi ha chiuso in pesante calo con l'indice Cac 40 in ribasso del 3,9% a 3.320,35 punti. Si tratta del livello più basso da luglio 2009. Cala a picco anche la Borsa di Madrid che con una perdita del 3,89% si porta sotto la barra dei 9.000 punti. Tonfo anche della Borsa di Francoforte in chiusura con l'indice Dax in ribasso del 3,40% a 6.414,76 punti. Lo scivolone è costato alle principali borse europee circa 173 miliardi di euro.

Trichet: "L'Italia anticipi il risanamento"
- Sull'andamento dei miercati hanno pesato le parole del presidente della Bce Jean Claude Trichet, sugli "alti livelli di incertezza" dell'economia. "L'incertezza è particolarmente alta" e la crescita economica dell'area euro è in "decelerazione" ha infatti sostenuto il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet. In riferimento al nostro Paese ha detto: "Anche per l'Italia, come gli altri Paesi dell'area euro, le riforme strutturali sono necessarie, e in particolare occorre anticipare i tempi del risanamento fiscale" .

In profondo rosso anche Wall Street - E al tonfo delle borse europee si aggiunge un'altra giornata nera anche per Wall Strett, che ha chiuso in forte calo. Il Dow Jones perde il 4,31% a 11.383,91 punti, il Nasdaq cede il 5,08% a 2.556,39 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 4,78% a 1.200,10 punti.

Guarda il servizio su Trichet




Tutti i video sulla crisi economica

Leggi tutto