Saldi, al via sabato in tutta Italia

1' di lettura

Data unica per l'avvio degli sconti estivi che partono su tutto il territorio nazionale il 2 luglio. Confcommercio: ogni famiglia spenderà 274 euro in media per comprare vestiario e calzature. Il vademecum per evitare la truffa

Dopo il sì delle regioni alla richiesta delle associazioni di categorie, per la prima volta la data di partenza dei saldi sarà unica in tutt'Italia, il 2 luglio. Differiscono le province autonome di Bolzano e Trento, nel primo caso si parte l'8 luglio fino al 20 agosto, nel secondo i commercianti sono liberare di decidere le date.
La durata dei saldi, invece, sarà variabile.
Negozianti ed esercenti guardano al via all'unisono con grande attesa e la speranza di un riscatto alla perdurante stagnazione dei consumi. Per la Confcommercio, varranno 4,1 miliardi di euro, il 12% del fatturato complessivo del settore. Nessuna effervescenza, ma attese tiepide: ci sarà una sostanziale tenuta. Le associazioni dei consumatori scuotono la testa: il budget che le famiglie destineranno alla corsa allo shopping sotto il sole di luglio sarà più risicato e le vendite mostreranno il segno meno. "Profeti di sventura inattendibili" asserisce la Confcommercio: ogni famiglia spenderà 274 euro in media per comprare vestiario e calzature in saldo. E saranno più della metà, oltre 15 milioni, i nuclei familiari che si dedicheranno alla caccia all'occasione.     

Vademecum per i saldi - Come consiglia l'associazione di consumatori Altroconsumo, per evitare fregature è sufficiente seguire alcuni semplici accorgimenti: 

- Confrontate il cartellino del prezzo vecchio con quello ribassato: se avete dubbi sulla percentuale di sconto o il prezzo non vi sembra corretto, chiedete chiarimenti al negoziante.
- Controllate che i capi siano in buone condizioni: se il difetto viene fuori dopo l'acquisto, potrete chiedere la risoluzione del contratto: il negoziante deve restituirvi l'importo pagato oppure ridurvi il prezzo. È importante conservare lo scontrino.
- Provate sempre l'articolo scelto: se vi pentite dell'acquisto non potrete poi cambiarlo. Infatti il cambio è a discrezione del commerciante. Quindi chiedetegli sempre se vi consentirà di effettuare un cambio e quanti giorni avete per farlo.
- Evitate di acquistare i capi d'abbigliamento che non abbiano le due etichette (quella di composizione e quella di manutenzione), per evitare di danneggiarli nella pulitura a secco o in quella ad acqua fatta a casa.

Ecco il calendario

ABRUZZO - 2 luglio - 30 agosto
BASILICATA - 2 luglio - 2 settembre
CALABRIA - 2 luglio - 31 agosto
CAMPANIA - 2 luglio per 90 giorni
EMILIA ROMAGNA - 2 luglio - 30 agosto
FRIULI V.GIULIA - 2 luglio - 30 settembre
LAZIO - 2 luglio per 6 settimane 
LIGURIA - 2 luglio per 45 giorni
LOMBARDIA - 2 luglio - 30 agosto
MARCHE - 2 luglio - 1 settembre
MOLISE - 2 luglio per 60 giorni
PIEMONTE - 2 luglio - 27 agosto
PUGLIA - 2 luglio - 15 settembre
SARDEGNA - 2 luglio - 30 agosto
SICILIA - 2 luglio - 15 settembre
TOSCANA - 2 luglio - 30 agosto
UMBRIA - 2 luglio - 30 agosto
VALLE AOSTA - In attesa di delibera
VENETO - 2 luglio - 31 agosto
BOLZANO (PROV) - 8 luglio - 20 agosto
TRENTO (PROV) - I commercianti determinano liberamente i periodi in cui effettuare i saldi.

Leggi tutto