Moody's mette sotto osservazione mezza Italia

1' di lettura

L'agenzia di rating dà l'ultimatum a 5 società pubbliche e a 23 province, regioni e comuni. I talloni d’Achille? Mancate riforme, debito alle stelle, debolezze strutturali. Fitch: "No a riduzioni del carico fiscale senza copertura"

Leggi anche:
Crescita debole e debito alto: la finanza gela l'Italia

Regioni, province e città italiane nel mirino di Moody's: l'agenzia mette sotto osservazione per un possibile declassamento il rating di 23 enti locali.
La decisione è una diretta conseguenza della messa sotto osservazione del rating sovrano dell'Italia del 17 giugno scorso.
Solo poche ore fa Moody's aveva annunciato di aver messo sotto osservazione il rating delle società pubbliche italiane, Enel, Eni, Finmeccanica, Poste e Terna.
L'azione di mettere sotto osservazione il rating di regioni, province e città, fa seguito a quella di "mettere sotto osservazione il rating Aa2 dell'Italia per un possibile downgrade il 17 giugno 2011. I motivi che hanno portato alla revisione sono: le sfide per la crescita, date le debolezze macroeconomiche strutturali e il possibile aumento nel tempo dei tassi di interesse; i rischi nell'attuazione dei piani di risanamento che sono richiesti per ridurre lo stock del debito italiano; e i rischi posti dal cambiamento delle condizioni di finanziamento per i paesi europei con alti livelli di debito".

L'elenco delle regioni, delle province e dei comuni - Le regioni coinvolte nella messa sotto osservazione sono: Basilicata, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, SiciliaToscana Umbria e Veneto.
Le province sono: le autonome Trento e Bolzano, Arezzo, Bologna, Firenze, Genova, Milano e Torino. Le città sono: Bologna, Milano, Siena e Venezia.
A essere interessate alla revisone sono anche la Cassa del Trentino e Finlombarda. "Per le province autonome di Trento e Bolzano e per la regione Lombardia, la revisione si focalizzerà sui fattori istituzionali che hanno consentito ai loro rating di restare sopra al livello nazionale" mette in evidenza Moody's, ricordando che Trento e Bolzano hanno un rating Aaa e la regione Lombardia Aa1.
"Per Trento e Bolzano questo include lo status costituzionale unico che consente loro un grado di isolamento dai fattori macroeconomici e finanziari che impattano sul rating sovrano". "La Lombardia non ha uno status costituzionale speciale di provincia autonoma, è la maggiore regione italiana e rappresenta il 20% della produzione economica nazionale. Ha mantenuto una perfomance finanziaria molto forte negli ultimi anni". "La nostra azione riconosce i legami fra lo stato e i governi regionali e locali. In Italia, il settore pubblico locale rappresenta il 30% delle spese del governo e dovrà contribuire agli sforzi per raggiungere gli obiettivi di bilancio".
Moody's osserva che i governi regionali e locali hanno navigato "la crisi senza un significativo deterioramento dei conti. Comunque non sono immuni dalle condizioni del credito sovrano e potrebbero essere esposti, a vari gradi, alle condizioni macroeconomiche del paese".

Fitch: "No a riduzioni del carico fiscale senza copertura" - E dopo il monito di Moody's, arriva anche quello di Fithc. In Italia "non c'è nessuno spazio per riduzioni del carico fiscale che non siano interamente finanziate" .a detto all'Ansa David Riley, responsabile globale dell'agenzia di Fitch per i rating sovrani. "Qualsiasi riduzione del carico fiscale - spiega Riley - deve essere controbilanciata allargando la base imponibile, recuperando evasione o tagliando la spesa pubblica". Fitch, spiega Riley, non ha intenzione di variare il rating o le prospettive sul merito di credito, ma "se dovessero emergere nuove informazioni, ciò potrebbe portarci a fare dei cambiamenti".

Leggi tutto