La Ryanair si "diverte" con le scappatelle di Berlusconi

1' di lettura

Sul sito della compagnia aerea una foto del premier accompagnata da una frase allegorica. Non è la prima volta che il gruppo sfrutta l’immagine di personaggi famosi per autopromuoversi. Era già toccato a Vale Rossi, a Bossi e alla coppia Sarkozy-Bruni

I testimonial inconsapevoli della Ryanair: GALLERY

Alla Ryanair devono divertirsi un sacco a studiare campagne pubblicitarie provocatorie e irriverenti. Questa volta a finire nel mirino della compagnia irlandese, guidata dal vulcanico Michael O’Leary, è niente poco di meno che il premier Silvio Berlusconi.
Nell’homepage del sito italiano della compagnia aerea compare infatti da qualche ora una foto del presidente del Consiglio con una mano sulla fronte, sconsolato e guardato a vista da un perplesso Umberto Bossi. Poi, una nuvoletta aggiunta apposta a mo’ di fumetto, recita il seguente retropensiero “attribuito” dalla Ryanair a Berlusconi: “…solo una cosa mi tirerebbe su in questo momento!”. Sotto a caratteri cubitali la risposta dei creativi irlandesi: “Una scappatella a 12 euro”. Con Ryanair, s’intende…

Non è la prima volta che la compagnia di Michael O’Leary si diverte a usare, a loro insaputa, personaggi famosi per autopromuoversi (GUARDA LA GALLERY). Era costata cara ad esempio la pubblicità sul campione di motociclismo Valentino Rossi in cui si ironizzava, facilmente, sulle sue disavventure con il fisco italiano.
Nel 2008, sempre la Ryanair, aveva invece preso di mira per una pubblicità in Francia la coppia presidenziale Sarkozy-Carla Bruni, i quali non l'avevano presa benissimo...
E sempre nel 2008 aveva usato il dito medio di Bossi per attaccare il governo italiano, reo di favorire Alitalia a discapito della compagnia low-cost irlandese.
Adesso invece è toccata a Berlusconi, già finito nell’occhio del ciclone per le sue vicende e imputato a Milano nell’ambito del processo Ruby anche per prostituzione minorile.

Leggi tutto