Vivere bene rispettando l'ambiente. Ecoseven racconta come

L'home page del sito di Ecoseven
1' di lettura

Nasce un portale di informazione e intrattenimento che spiega come coniugare l'amore per la natura con l’innovazione tecnologica. Il direttore: "Affrontiamo i temi in modo propositivo, senza preconcetti e sensi di colpa. Vediamo il bicchiere mezzo pieno"

di Valeria Valeriano

Eco come ecologia ed economia, “che non sono per forza in contrasto tra loro”. Seven come sette giorni su sette. Nasce www.ecoseven.net, una testata online dedicata al “saper vivere”. Si occupa di ambiente, energia, enogastronomia, mobilità, abitare, viaggiare e benessere: sette (numero che ritorna) aree tematiche aggiornate quotidianamente.

Il direttore responsabile è Michele Guerriero, ex direttore generale dell’agenzia stampa Il Velino. “Il nostro è un portale di informazione e intrattenimento – racconta –. Tratta, in modo propositivo, temi legati al saper vivere rispettando l’ambiente”. L’obiettivo è quello di mettere il pianeta Terra al centro delle notizie, degli approfondimenti, delle inchieste e delle ricerche. E di coniugare il rispetto per la natura e l’ambiente con lo sviluppo e l’innovazione tecnologica. “Non solo a parole – spiega Michele Guerriero –, ma facendo emergere i buoni comportamenti della vita quotidiana e i miglioramenti che il progresso offre”.

Ecoseven, edito da Ecomedianet srl, si rivolge a un pubblico trasversale. Oltre alle sette aree tematiche ci sono due inserti settimanali: Ecogame, dedicato ai giochi e curato da Valerio Giardinelli, e Ecoseven Cult, riservato alla musica e affidato a Stefano Accetta. Molte le rubriche: dalle eco-invenzioni ai titoli verdi quotati in Borsa, dai percorsi turistici in Italia all’oroscopo. Ai più piccoli ci pensa Dursio Stefanacci, con dei mini cartoni animati, di dieci o quindici secondi, che passano sulla Ecoseven- Tv. Spazio anche ai blog. Le attività del portale, che si avvale della consulenza di Ocm media e comunicazione, Geomediamarketing e di Carlo Erminero&Co studi e ricerche, si possono seguire anche sui più famosi social network, come Facebook o Twitter.

“Questo progetto è frutto di un’idea nata da un gruppo di amici – dice Michele Guerriero –. La redazione, che ha sede a Roma, è composta da giornalisti giovani. I più grandi hanno 36 anni. Stesso discorso per i collaboratori. La novità rispetto ad altre testate? Noi ci avviciniamo ai temi ambientali senza preconcetti e sensi di colpa. Il nostro è un approccio positivo, ci piace vedere il bicchiere mezzo pieno”.

Leggi tutto