Passera: "Ora è il momento di governare"

1' di lettura

L'ad di Intesa-San Paolo, ospite dell'Intervista di Maria Latella: “Dopo mesi di disordine e non azione, dobbiamo prendere in mano la situazione sia dal punto di vista economico, sia da quello della gestione della crisi europea”. VIDEO

"E' venuto il momento che la politica governi e finisca questo clima di tutti contro tutti".
E' questo il commento all'attuale situazione politica dell'amministratore delegato di Intesa-San Paolo, Corrado Passera ospite a SkyTG24 dell "intervista" di Maria Latella.
"Io mi auguro che in questo momento la politica governi, è un momento complesso di cui non dobbiamo nasconderci anche i rischi, un momento - sono parole del banchiere - in cui dopo mesi di disordine e non azione noi dobbiamo prendere in mano la situazione sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista della gestione di una crisi europea che ci può trascinare dentro". "Siamo riusciti a starne fuori a gestire fino adesso molto bene il nostro Paese rispetto ad altri - ha continuato - però di tutto abbiamo bisogno meno che di un altro lungo periodo di tutti contro tutti, di incertezza perché quello potrebbe essere un meccanismo che potrebbe far scattare una situazione di grande difficoltà. Quindi è il momento di governare, di riavviare la crescita e di lavorare tutti insieme per l'occupazione".

Passera non ha nascosto che il ritorno anticipato alle urne comporterebbe dei rischi in termini di attacchi speculativi sui mercati internazionali. "Una campagna elettorale dall'esito incerto con la certezza di avere un periodo di disordine - ha osservato - aumenterebbe il rischio" di attacchi speculativi".
"Guai però - ha chiarito Passera - a paragonare la situazione italiana con quella di altri Paesi come Grecia o Irlanda che sono molto più deboli e non paragonabili con l'Italia. Il nostro Paese ha grandi forze dal punto di vista del risparmio, della tenuta delle banche, della tenuta del deficit pubblico perciò non paragoniamolo a situazioni molto diverse". "Però - ha proseguito - non dobbiamo dare una scusa alla speculazione internazionale nel creare una situazione nella quale sarebbe troppo facile buttarsi dentro".

Il numero uno di Intesa San Paolo  ha poi ricordato l'economista Tommaso Padoa Schioppa, morto sabato 18 dicembre all'età di 70 anni: "Un italiano molto utile al Paese in tante occasioni e che lo sarebbe ancora stato". "E' una grave perdita - ha detto Passera - una persona che credeva e ha contribuito a fare l'Europa, una persona che credeva nel mercato e con la quale si poteva parlare del bene comune".

Leggi tutto