La moneta di Facebook arriva nei negozi inglesi

I crediti di Facebook in vendita nei negozi inglesi (Getty)
1' di lettura

Dopo gli Usa anche in Inghilterra si potranno acquistare delle ricariche da spendere sul social network. Tra Second Life (Linden Dollars) e World of Warcraft (Gold), si diffonde così un’altra valuta virtuale dagli effetti (anche economici) assai reali

di Federico Guerrini

Dal virtuale al reale e ritorno. La parabola dei "crediti", la moneta di Facebook, prima acquistabile solo online e oggi disponibile anche sugli scaffali di grandi catene di supermercati, è emblematica delle dinamiche sempre più strette che collegano il mondo fatto di pixel a quello affollato da persone in carne ed ossa. Le ricariche infatti sono in questi giorni in vendita nei negozi della britannica Tesco in tagli da 10 e 20 sterline mentre in Usa Wal-Mart vende da qualche settimana tessere da 10, 25 e 50 dollari.

Dai siti ai banchi dei supermercati i Facebook Credits servono soprattutto per giocare ad alcune delle tante applicazioni disponibili sulla piattaforma, come Farmville o Mafia Wars; chi non vuole aspettare troppo tempo per salire di livello o desidera accaparrarsi degli strumenti utili a acquisire una posizione di vantaggio nei confronti degli altri giocatori, non deve far altro che mettere mano al portafogli: Facebook accetta una decina di monete reali, fra cui dollaro, euro e yen, da convertire online utilizzando la carta di credito oppure, grazie a un recente accordo con il leader nel campo dei micropagamenti, pagando con PayPal.

A oggi sono più di 200 le applicazioni che accettano questo tipo di pagamento e il giro di affari del “social gaming” raggiungerà entro la fine dell’anno i 650 milioni di euro, stando a un rapporto di Inside Virtual Goods. Non ci sono solo i giochi, però: di recente, anche alcune associazioni no-profit, come quelle per la ricerca contro il cancro, hanno cominciato ad accettare donazioni nella moneta di facebook e il volume di transazioni legate all’acquisto di beni virtuali, è in costante crescita, così come il numero di valute online (tra le altre i Linden dollars di Second Life, i Ped di Entropia Universe, il Gold del gioco multiplayer World of Worldcraft.

Fra il 2007 e il 2010, secondo alcune ricerche il mercato di beni virtuali sarebbe addirittura triplicato, con una spesa, nell’anno in corso, di oltre 7 miliardi di dollari da parte dei consumatori. Si compra e vende di tutto: rose virtuali da regalare all’amante (accade su Flirtomatic, un network di dating), a fiammanti fuoriserie da sfoggiare su Second Life, e perfino stazioni spaziali che orbitano nel cyberspazio, come è capitato alcune settimane fa in Entropia Universe. La cosa ha fatto scalpore per l’ammontare della cifra sborsata dagli acquirenti: ben 635 mila dollari, con cui l’ex proprietario, Jon Jacobs, si è ampiamente ripagato l’investimento iniziale di 100 mila dollari che era riuscito a effettuare ipotecando la propria vera abitazione.

E siccome la finanza è sempre dietro l'angolo, presto nel mondo di pixel sarà possibile anche contrarre debiti: a quanto sembra Facebook starebbe testando una funzione chiamata Pay Later, tramite cui i “crediti” potranno anche essere anticipati, e l’acquisto saldato in secondo tempo. L’idea che in futuro il network di Zuckerberg lanci una vera e propria banca online non sembra più soltanto un’utopia. A quel punto tutto sarà pronto per il passo successivo: asset virtuali sopravvalutati, mutui di varia risma e bolle speculative made in Internet.

Leggi tutto