Il governo nomina Veronesi a capo dell'Agenzia nucleare

Umberto Veronesi
1' di lettura

Oltre all'oncologo, nel board ci saranno Maurizio Cuomo, Marco Enrico Ricotti, Michele Corradino e Stefano Dambruoso. L’esecutivo: “E’ il primo passo per una nuova strategia energetica”

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla nomina dei componenti del consiglio direttivo dell'Agenzia per la sicurezza nucleare: il ruolo di presidente sarà ricoperto dall'oncologo Umberto Veronesi.
Gli altri rappresentanti saranno Maurizio Cuomo e Marco Enrico Ricotti, indicati dal ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani, Michele Corradino e Stefano Dambruoso, scelti dal ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo.
"Con questo provvedimento - commentano i ministri Prestigiacomo e Romani - prende il via la fase operativa dell'istituzione dell'agenzia per la sicurezza nucleare, organismo che rappresenta uno snodo fondamentale nell'ambito del complesso iter che porterà  l'Italia ad integrare con il nucleare la sua strategia energetica  nazionale".

Chi sono i nuovi componenti dell'agenzia - Umberto Veronesi è attualmente direttore scientifico dell'Istituto europeo di oncologia. Maurizio Cumo è professore ordinario di Impianti  Nucleari presso la facoltà di Ingegneria dell'università di Roma La  Sapienza. Ha ricoperto diversi incarichi presso importanti centri di  ricerca. Marco Enrico Ricotti, laureato in Ingegneria Nucleare, è  professore ordinario presso il Dipartimento Energia, Divisione Energia Nucleare del Politecnico di Milano. Michele Corradino, Consigliere di Stato, è capo di  gabinetto del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e  del Mare ed ha svolto il ruolo di capo di gabinetto e di consigliere  giuridico in diversi Ministeri. Stefano Dambruoso, magistrato, è  capo dell'ufficio per il coordinamento dell'attività internazionale  del ministero della Giustizia.

Veronesi: "Mi dimetto da senatore del Pd" - "Ho già detto che non posso restare in tutti e due i ruoli, quindi mi dimetterò da senatore del Pd". E' questa la prima reazione dell'oncologo Umberto Veronesi alla nomina del governo.
Rispondendo alle domande dei giornalisti sulle richieste di dimissioni da senatore da parte del suo partito, Veronesi non si sbilancia sui tempi: "Ho appena avuto la notizia, datemi il tempo".

Leggi tutto