Fisco, quasi un milione le liti pendenti in campo tributario

1' di lettura

Secondo la relazione del Dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia, il contribuente ha la meglio una volta su tre in primo grado e oltre il 44% delle volte in secondo grado

Sono quasi un milione le liti pendenti in materia tributaria nonostante in media basti solo un'udienza, o poco più per definire il ricorso sia in primo grado che in secondo e, in tribunale, il contribuente ha la meglio sul fisco una volta su tre in primo grado e oltre il 44% delle volte in secondo.
E' quanto emerge dalla "Relazione di monitoraggio sullo stato del contenzioso tributario e sull'attività delle Commissioni Tributarie", aggiornata al 2009 e messa a punto dal Dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia.

Sono dunque 945.295 le cause pendenti presso le Commissioni tributarie. Rispetto all'anno precedente le cause in attesa di giudizio sono aumentate (+9.246) e la maggior parte dei giudizi pendenti è in primo grado: 578.653.

Per quanto riguarda gli esiti dei ricorsi definiti nel 2009 presso le Commissioni Tributarie provinciali, le pronunce favorevoli al contribuente e all'Ufficio raggiungono rispettivamente il 35,63% e il 39,17% del totale.
Le percentuali più elevate di esito favorevole al contribuente si realizzano nelle Ctp della Puglia (45,57%), della Sicilia (45,90%) e della Campania (41,14%). Nel secondo grado di giudizio, le percentuali maggiori di esito favorevole al contribuente si realizzano presso la Ctr del Molise (53,47%), la Ct di 2/o grado di Bolzano (50,93%) e la Ctr della Campania (49,20%).

Resta poi il 'caso' della Commissione Tributaria Centrale. Abolita 14 anni fa, di fatto sopravvive per smaltire le liti di terzo grado arretrate. Nonostante la devoluzione dei contenziosi in attesa di giudizio alle competenti sede regionali, a seguito di una norma inserita nella Finanziaria 2008, restano ancora da trasferire dalla Commissione Centrale alle sedi regionali oltre 76.000 fascicoli. Non solo: nel 2009 ne sono arrivati alla 'soppressa' Commissione centrale 54 ricorsi ex novo.

Leggi tutto