Banche, in arrivo tagli sulle commissioni

1' di lettura

Operazioni con il bancomati, domiciliazioni delle bollette o pagamenti con ricevute bancarie potrebbe costare molto meno in futuro. Soddisfazione delle associazioni dei consumatori

In arrivo tagli fino al 36% per le commissioni interbancarie per Bancomat, Pagobancomat e per la domiciliazione delle bollette (Rid) oltre che i pagamenti con ricevuta bancaria, riduzioni che da ora potrebbero arrivare anche 'a cascata' ai clienti finali. L'Antitrust ha infatti accettato gli impegni presentati da Abi e Consorzio Bancomat per chiudere due istruttorie aperte dall'Autorità nel novembre 2009 e ha rimodulato le commissioni fra banche con tagli vanno dal dal 36 al 3 per cento.

La mossa piace ai consumatori (Adusbef, Movimento Consumatori e Federconsumatori) che plaudono ancora una volta all'azione dell'Antitrust chiedendo per essa poteri sanzionatori mentre dubbi sugli effettivi vantaggi per la clientela arrivano dal Codacons. Soddisfazione anche da Abi e Consorzio Bancomat secondo cui gli impegni presentati "mentre confermano la validità delle commissioni interbancarie, seguono gli orientamenti che si vanno consolidando in ambito comunitario e nazionale, tesi a promuovere il progressivo contenimento di queste commissioni".

L'Antitrust aveva contestato la commissione unica stabilita dal consorzio Bancomat (quella che arriva per i pagamenti presso i Pos, oramai diffusissimi in Italia e che conta 28 milioni di carte), definita una soglia minima al di sotto della quale la concorrenza fra gli istituti non può ridurre la commissione agli esercenti. Anche nel caso dei prelievi agli sportelli con il Bancomat e i servizi Rid e Riba, l'Autorità aveva rilevato come una commissione unica e centralizzata limitava l'autonomia delle singole banche nelle politiche commerciali e portava a condizioni più onerose per i clienti.

In base agli impegni, su cui l'Antitrust vigilerà, la commissione interbancaria PagoBancomat scende così di oltre il 4% sul valore della transazione media (la componente fissa della commissione interbancaria si riduce da 0,13 a 0,12 euro per ogni operazione). Il consorzio si è impegnato a rivedere la commissione alla luce dei principi che emergeranno dagli studi in corso di svolgimento da parte della Commissione Europea e dell'Eurosistema sul 'test del turista'. Ovvero fissare una commissione a un livello per cui il negoziante non ha una particolare predilezione per la carta o il contante nelle spese fatte da un ipotetico turista.

Inoltre, in base all'accordo raggiunto, la commissione per i prelievi presso gli sportelli Bancomat si riduce del 3,4% (dal 0,58 a 0,56 euro), la commissione interbancaria Rid viene tagliata del 36%, scendendo a 0,16 euro. A partire dal 1 novembre 2012, la commissione interbancaria sul Rid sarà azzerata, in linea con l'evoluzione europea, salvo per la parte relativa al servizio di allineamento elettronico archivi (pari a 0,071 euro). La commissione per il Rid veloce scende da 0,35 a 0,26 euro a operazione. Infine la commissione RiBa per disposizione di incasso viene ridotta di quasi il 20%, da 0,57 a 0,46 euro.

Leggi tutto