Viaggi, boom del turismo online

1' di lettura

Tra le mete preferite dagli italiani nell'estate 2010, secondo il motore di ricerca SkyScanner, Londra e Monaco per l'Oktober Fest, ma anche i piccoli aeroporti serviti da compagnie low-cost come Brindisi, Alghero, Creta

di Eva Perasso

Un'estate di ricerche online a caccia della tariffa migliore. È andata così per gli italiani, che anche quest'anno hanno usato i motori di ricerca online per voli e vacanze più economiche. Tanto ghiotto è diventato il mercato dei viaggi online, che ormai da tre anni si organizza per professionisti e profani il BTO, Buy Tourism Online. Il prossimo appuntamento su tutte le nuove tendenze in tema di vacanze e rete è il 18 e 19 novembre a Firenze.

Per Skyscanner, portale di comparazione prezzi nato a Edimburgo e diventato imbattibile sui voli aerei, in un solo anno (da agosto 2009 ad agosto 2010) le ricerche targate .it sono state 22 milioni, e le mete più richieste nel mese più caldo dell’anno hanno riservato qualche sorpresa. Se reggono bene i grandi nodi di scambio e città dal fascino intramontabile come Roma, Londra (al primo posto, tallonata da Milano) e Parigi, il solleone fa risalire nella top 50 aeroporti marginali, come Brindisi e Catania, Olbia e Alghero, Ibiza e Creta. A sorpresa, complice l’Oktober Fest che si apre il 18 settembre, è Monaco a risalire la china e a ritrovarsi in 27esima posizione, ben sopra ad altre capitali nordiche come Stoccolma e Copenhagen.

L’estate è stata complessivamente positiva per i cieli italiani, anche secondo i dati del rapporto Enac 2010 appena presentato alla stampa: i voli in Italia sono aumentati del 10 per cento questa estate, contro una media europea più bassa, che si attesta intorno al 6 per cento. Luglio e agosto 2010 poi non vincerebbero solo in termini di traffico aereo accresciuto, ma saranno ricordati come una delle estati più tranquille in termini di disagi scampati per i passeggeri. Sempre l’Ente Aviazione Civile dichiara infatti che sono calati sia i reclami sia i bagagli smarriti: meno 30 per cento rispetto all’anno prima. Anzi la riconsegna dei bagagli è avvenuta più rapidamente, con una media di 27 minuti di attesa in arrivo a luglio e di 32 minuti ad agosto. E addirittura, gli aerei sarebbero stati statisticamente puntuali, con Alitalia che ha fatto anche meglio di altre concorrenti europee. Un segnale positivo, in linea con le promesse fatte dagli aeroporti italiani nella Carta dei diritti del passeggero.

Ricalcando poi i dati di Skyscanner, l’Enac annuncia che gli scali italiani che hanno aumentato maggiormente i loro traffici sono stati i più piccoli e, tra loro, hanno incrementato i passeggeri anche oltre il 50 per cento aeroporti come Brindisi, Trapani e Cuneo. Qui a fare traffico sono soprattutto i vettori low-cost tanto ricercati dagli italiani: non a caso in questi giorni l'amministratore delegato di RyanAir Michael O'Leary ha annunciato che il sorpasso della sua compagnia su Alitalia è cosa fatta.



Leggi tutto