Istat, l'inflazione frena ad agosto

1' di lettura

I prezzi al consumo in Italia sono scesi al +1,6% dall'1,7% di luglio, ma per alcuni prodotti gli aumenti continuano: impennata per biglietti aerei e traghetti

L'inflazione ad agosto ha rallentato il suo passo. Lo comunica l'Istat che rende noto che i prezzi al consumo in Italia sono scesi al +1,6% dall'1,7% di luglio. Su base mensile l'inflazione è aumentata dello 0,2%. Il lieve rallentamento dell'inflazione ad agosto risente, in primo luogo, della flessione congiunturale dei prezzi dei beni energetici, spiegano i tecnici Istat.

Benzina ad agosto -1% - L'inflazione ad agosto è risultata in rallentamento grazie ad una diminuzione congiunturale dei prezzi relativi al comparto energetico (-0,5% su luglio) che ha portato il tendenziale al +4,2% (in rallentamento dal +5,3% del mese precedente). In particolare, nel settore regolamentato, fa sapere sempre l'Istat, nonostante il lieve incremento rispetto a luglio (+0,1%), i prezzi sono risultati in calo dello 0,9% rispetto all'agosto del 2009. Nel settore non regolamentato, al contrario, i prezzi si riducono dello 0,8% su base mensile e si accrescono del 7,9% rispetto al 2009.

Per quanto riguarda la benzina verde il prezzo è sceso dell'1% su luglio mentre è aumentato del 5,8% su agosto 2009 (+8,9% il tendenziale del mese precedente). Il prezzo del gasolio e' diminuito dello 0,9% su luglio ed è, invece, aumentato del 9,1% su agosto dello scorso anno (+13,2 il tendenziale del mese precedente).


Balzo per biglietti aerei e traghetti - I prezzi che sono cresciuti maggiormente su base annua sono i trasporti (+3,8%) e l'istruzione (+2,5%), le bevande alcoliche e il tabacco (+2,4%) ed i costi legati alle abitazioni come acqua ed elettricità (+2,4%).
Alcuni prodotti hanno però continuato a correre. In particolare, secondo i dati dell'Istat, i biglietti aerei hanno registrato un'impennata del 26,6% su luglio, mentre i prezzi sono cresciuti del 6,2% su agosto del 2009; per i traghetti si e' rilevato un rincaro del 7% su base congiunturale e del 41,1% su base tendenziale; quanto ai treni, l'Istat ha registrato un rialzo dello 0,2% a livello mensile e del 9,8% a livello annuale. In calo, invece, almeno sul piano congiunturale i pedaggi autostradali (-1,4% su luglio, +5% su agosto 2009).
Quanto ai pacchetti vacanza tutto compreso, pur avendo registrato un aumento del 13,3% su luglio, hanno segnato una riduzione del 2,3% su agosto del 2009. Su base tendenziale scendono anche i prezzi per gli stabilimenti balneari (-4,7% su agosto 2009, +0,5% su luglio).

Leggi tutto