Tirrenia, Uilt: niente sciopero il 30 e 31 agosto

1' di lettura

L'annuncio del segretario generale Giuseppe Caronia, dopo la scelta del ministro dei Trasporti di non emettere l'ordinanza di differimento. La nuova data sarà decisa dopo il tavolo del 6 settembre. Matteoli: "L'azienda sarà ceduta senza spezzatini"

La Uilt differirà lo sciopero dei lavoratori di Tirrenia programmato per il 30 e il 31 agosto e la nuova data verrà decisa dopo il tavolo del 6 settembre convocato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli . Lo annuncia in una nota il segretario generale, Giuseppe Caronia, dopo la scelta di Matteoli di non emettere l'ordinanza di differimento.

"Finalmente un segnale di responsabilità e di rispetto del governo - afferma Caronia - nei confronti della legittima e sacrosanta lotta dei lavoratori a difesa del loro posto di lavoro, che ha evitato di ricorrere alla forza attraverso un atto coercitivo quale è quello della precettazione che in questa circostanza sarebbe stata del tutto ingiusta e a cui comunque non ci saremmo assoggettati, e contro la quale avremmo attivato azioni di tutela di ogni tipo con particolar riguardo a quella legale. Naturalmente - aggiunge - non possiamo a questo punto non accogliere l'invito del ministro a differire lo sciopero la cui eventuale effettuazione e l'eventuale data verrà decisa sulla base delle risultanze del previsto incontro del 6 settembre".

Il sindacalista precisa quindi che "su questa nostra decisione ha molto pesato anche la consapevolezza dei gravi disagi che il nostro sciopero, seppur legittimo, avrebbe causato a migliaia di cittadini ai quali chiediamo di sostenere la nostra lotta a difesa dei diritti fondamentali come il lavoro".

Nel verbale redatto subito dopo l'incontro, il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli ha confermato "la volontà di effettuare la cessione di complessi aziendali garantendo l'unicità dell'azienda e dei livelli occupazionale e contrattuali". Nel verbale si legge anche che il commissario straordinario di Tirrenia e amministratore unico di Siremar, Giancarlo D'Andrea, ha attivato "l'utilizzo delle risorse destinate, da preesistente normativa, a differenti finalità, per far fronte alle esigenze di cassa necessarie alla gestione corrente", e ha "presentato ai ministeri competenti istanza per la proroga delle convenzioni a scadenza 30 settembre prossimo".

Leggi tutto