Crisi, il Fondo monetario vede la ripresa nel 2010

1' di lettura

L'Fmi rivede al rialzo le stime di crescita mondiali per l'anno in corso, mentre lascia invariate quelle per il 2011. Prevista anche un'espansione del pil italiano pari al + 0,9%. Il rischio recessione nei prossimi anni sembra essere fugato

Il Fondo monetario internazionale rivede al rialzo le stime di crescita mondiali per il 2010. Secondo l'Fmi l'economia globale si espanderà quest'anno del 4,6% (0,4 punti in più rispetto a quanto previsto in aprile), mentre per il 2011 la stima è invariata al +4,3%.

Il pil dell'Italia crescerà quest'anno dello 0,9%, a fronte del +0,8 stimato in precedenza; limata invece di 0,1 punti la stima 2011, quando è previsto che l'economia segnerà un +1,1%. Eurolandia s'espanderà nel 2010 dell'1,0% e nel 2011 dell'1,3%. Le economie avanzate cresceranno quest'anno del 2,6% e il prossimo del 2,4%.

Circa il rischio recessione, infine, è fortemente improbabile uno slittamento dell'economia globale per i prossimi anni, anche se "non è uno scenario del tutto improbabile". A dichiararlo è stato il capo economista del Fondo Monetario Internazionale Olivier Blanchard, presentando l'aggiornamento del World Economic Outlook e del Global Financial Stability Report. Secondo Blanchard è necessario che i Paesi tornino a livelli sostenibili di spesa. Il capo economista dell'Fmi ha inoltre sottolineato che lo yen è al momento correttamente valutato e non deve indebolirsi, per combattere la deflazione. Blanchard ha infine aggiunto che è ancora troppo presto per dire se la decisione della Cina sulla yuan avrà o meno impatto sui flussi di capitale nel Paese.

Guarda anche:
Crisi, Trichet: "L'Europa non corre il rischio recessione"
Crisi, Fmi: in Italia la ripresa sarà più lenta
Le Borse brindano al piano salva-euro
Ecofin, Frattini: l'Italia ha avuto ruolo da protagonista

Leggi tutto