Manovra, Formigoni: "Tutti pronti a restituire le deleghe"

1' di lettura

Il governatore della Lombardia interviene in diretta a SkyTG24 sullo scontro tra Regioni e Governo. "Non c'è nessun conflitto - dice - solo un confronto vivace. Vogliamo una manovra più sostenibile, che non punisca chi ha messo in atto politiche virtuose"

La manovra economica del governo.
Tu cosa avresti tagliato?

Discutine nel forum


"Siamo tutti pronti a restituire le deleghe". Il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, interviene in diretta a SkyTG24 sullo scontro tra Governo e Regioni sulla manovra economica. “Non è un gesto di polemica – aggiunge –. Vogliamo contribuire con le nostre idee, con le nostre proposte a disegnare una manovra che è indispensabile ma nella quale i sacrifici vanno ripartiti in maniera equa tra tutti i comparti”.

Il presidente delle Lombardia sottolinea che non c’è nessuna spaccatura tra le Regioni: “Abbiamo una posizione unanime. Solo che alcune, ad esempio le cinque che hanno firmato la lettera a Tremonti, hanno esigenze ulteriori”. Escluso anche il conflitto con il Governo. “C’è un confronto vivace. Il dialogo non si è interrotto. L’incontro con i ministri è stato insoddisfacente quindi abbiamo chiesto di vedere il presidente del Consiglio”, ha detto Formigoni. Che avanza una proposta: “Una commissione mista Governo Regioni, trasparente, per vedere dove sono gli sprechi. Perché ce ne sono, ma bisogna dire nomi, cognomi e quantità”. “Puniamo gli spreconi – conclude il governatore della Lombardia – ma evitiamo di punire i cittadini delle amministrazioni che hanno messo in atto politiche virtuose. È chiaro a tutti che il periodo delle vacche grasse è terminato”.

Leggi tutto