Angeletti (Uil): Marchionne non si rimangerà la parola

1' di lettura

Per il leader sindacale "quando la Fiat dice ‘ci rimettiamo a discutere’ intende dire come applicare l’accordo". E ancora: male la manovra su pubblico impiego e tagli agli investimenti. IL VIDEO

"Lo stabilimento di Pomigliano d’Arco si può salvare solo trasferendo lì la produzione della Panda". Lo ha ribadito a SKY TG24, nel giorno dello sciopero generale indetto dalla Cgil, il segretario generale della Uil Luigi Angeletti. "Soprattutto per i manager la parola è un valore molto importante. Io penso – ha aggiunto Angeletti - che la parola data da Marchionne non sarà rimangiata. Quando la Fiat dice ‘ci rimettiamo a discutere’ intende dire come applicare l’accordo, non rivedere l’entità dell’investimento". Il segretario della Cisl ha poi aggiunto: "La manovra del governo ha due aspetti negativi che sono il blocco della contrattazione del pubblico impiego e i tagli agli investimenti che non fanno bene all’economia".
 
MANOVRA ECONOMICA: INTERVISTE E SERVIZI

Leggi tutto