Tremonti: “Italia bloccata da troppe regole”

1' di lettura

Un ministro dell’Economia a tutto campo quello che interviene alla festa nazionale della Cisl. “Bisogna cambiare alcuni articoli della Costituzione. Siamo un Paese bloccato da troppe regole. Ogni anno produciamo 4km di Gazzetta Ufficiale”. IL VIDEO

Sì alle modifiche degli articoli 41 e 118 della Costituzione. Il Ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, durante il suo intervento alla festa nazionale della Cisl in svolgimento a Levico Terme, ha ripetuto le sue proposte di deregulation per facilitare la libertà d'impresa.

L'Italia "non può competere con sistemi troppo diversi dal nostro e per farlo dobbiamo lasciare giù un po' di zavorra". Per Tremonti "l'idea è semplice: aggiungere nell'art.41 della Costituzione il principio del riconoscimento della responsabilità alla persona. Poi la segnalazione di inizio attività l'autocertificazione, l'idea dei controlli solo ex post e infine il riconoscimento della buona fede. Questo deve essere fatto da subito per legge ordinaria e questi cinque principi devono essere blindati con legge costituzionale - continua - perché nel nostro sistema, che è bloccato, se non cambi la Costituzione si blocca tutto". Tremonti ha anche ricordato che  "questo è un Paese in cui le leggi sono troppe e che ogni anno produce 4 Km di Gazzetta Ufficiale e 1 km quadrato di regole. Per il ministro dell'Economia "la modifica della Costituzione non può essere limitata all'art. 41 "ma estesa anche all'art.118, che è la piramide dei rapporti tra Stato, Regioni e Comuni, introducendo in nome della responsabilità dell'individuo una diversa articolazione della sussidiarietà".

Guarda anche:

Tutte le notizie sulla manovra

Leggi tutto