Crisi, Fmi: in Italia la ripresa sarà più lenta

1' di lettura

Secondo la previsione del Fondo monetario internazionale nel 2011 il Pil italiano salirà all’1,2%, contro l’1,8% di quello francese e l’1,7% di quello tedesco. Promossi invece i conti pubblici del Bel Paese

CRISI GRECIA, L'ALBUM FOTOGRAFICO 

L'Italia "emergerà dalla recessione più lentamente" rispetto ad altri grandi Paesi dell'Eurozona, Francia e Germania in particolare. La previsione è del Fondo monetario internazionale che per il 2011 prevede che il Pil italiano salirà dell'1,2% (+0,8% nel 2010)  contro l'1,8% di quello francese e l'1,7% di quello tedesco. In generale, sottolinea però l'istituzione di Washington in un rapporto dedicato all'Europa, è tutto il vecchio continente a fare fatica: il rimbalzo viene definito "moderato e incerto" e l'andamento dell'economia "rimane debole se comparato alla ripresa in atto in altre parti del Mondo". Tanto che il Pil dell'Eurozona non viene visto crescere oltre l'1% quest'anno e oltre l'1,5% il prossimo.

Il Fondo promuove invece i conti pubblici italiani. Tra i Paesi dell'Europa meridionale il nostro Paese è citato come esempio di virtù in termini di deficit. Male invece sul fronte della competititività. "Sintomo" del problema, si legge nel rapporto, è il "deterioramento della crescita" che l'Italia, come il Portogallo, ha registrato "a seguito dell'ingresso nell'Unione monetaria europea".
Gran parte degli squilibri della nostra economia, argomentano i tecnici dell'Fmi, derivano proprio da lì: "Se Italia, Portogallo e Spagna riuscissero a portare la loro produttività del lavoro ai livelli osservati nei Paesi dell'Europa settentrionale (Finlandia e Olanda)", afferma il documento, "la loro bilancia delle partite correnti migliorerebbe di 2-2,5 punti percentuali rispetto al Pil". Quanto all'Europa nel suo insieme, il Fondo rileva che è ormai allarmante la situazione dei debiti pubblici di molti Paesi. "Dagli indicatori di sostenibilità", sottolinea il rapporto, "stanno giungendo segnali preoccupanti". E anche se "stabilizzare il debito pubblico nel breve termine non è fattibile né desiderabile dato il rischio di una ricaduta nella recessione", conclude il Fondo, i governi "devono impegnarsi in modo credibile a risanare i propri bilanci".



Crisi dell'Euro - i commenti e gli aggiornamenti:




Guarda anche:
Le Borse brindano al piano salva-euro
Ecofin, Frattini: l'Italia ha avuto ruolo da protagonista
Trichet: la Bce è autonoma e indipendente

Leggi tutto