Conti pubblici, fabbisogno in calo a 14,8 miliardi

1' di lettura

Secondo il ministero del Tesoro il risultato positivo è "imputabile essenzialmente al venir meno di alcuni pagamenti che avevano caratterizzato il mese di aprile dello scorso anno"

Fabbisogno in calo ad aprile. Secondo le stime provvisorie del ministero del Tesoro esso s'è attestato, nel mese scorso, a 14,8 miliardi di euro. Dunque, circa 3,6 miliardi in meno rispetto ad aprile 2009, quando fu di 18,3 miliardi. Nei primi quattro mesi il fabbisogno s'è attestato, invece, a circa 41,9 miliardi, inferiore di circa 6,6 miliardi a quello dello stesso periodo dello scorso anno.

In una nota il dicastero di Via XX Settembre ha spiegato che il miglioramento "è imputabile essenzialmente al venir meno di alcuni pagamenti che avevano caratterizzato il mese di aprile dello scorso anno" e "all'andamento positivo del gettito". I pagamenti venuti meno riguardano gli "interessi alla Cassa Depositi e Prestiti sulle disponibilità giacenti sul conto della Tesoreria statale, già erogati nello scorso mese di marzo; acquisto da parte degli enti previdenziali degli immobili oggetto delle operazioni di cartolarizzazione Scip; rimborsi fiscali ultradecennali". Sempre dal lato dei pagamenti "le minori erogazioni - fa presente ancora il ministero - sono state parzialmente compensate da una maggiore dinamica dei prelievi delle Amministrazioni locali dai conti della Tesoreria statale".

Dal lato degli incassi, invece, "si conferma l'andamento positivo del gettito tributario e contributivo, mentre s'è registrato un saldo negativo dei flussi finanziari netti con l'Unione Europea".

Guarda anche:
Barroso: economia italiana solida, ma serve sforzo sui conti pubblici
Tremonti: nessuna manovra correttiva dei conti pubblici 2010
Conti pubblici, deficit/Pil sale a 9,3%
Conti pubblici, sale la pressione fiscale nel Paese

Leggi tutto