Crisi Grecia, accordo della Ue su un piano di 110 miliardi

1' di lettura

L'Eurogruppo ha raggiunto un'intesa sugli aiuti economici da stanziare al Paese ellenico in tre anni. I due terzi di essi saranno a carico dei Paesi dell'euro. L'Fmi provvederà al resto. Giudizio positivo del ministro Tremonti

CRISI IN GRECIA: L'ALBUM FOTOGRAFICO

Nel corso d'una conferenza stampa a Bruxelles il presidente dei ministri dell'Eurozona Jean-Claude Juncker ha dichiarato che i Paesi della Ue hanno finalmente raggiunto un accordo sul piano di aiuti da varare a favore della Grecia. Per far fronte alla crisi del Paese ellenico, saranno stanziati 110 miliardi di euro in tre anni. Gli aiuti saranno per circa due terzi (80 miliardi) a carico degli Stati membro, mentre il Fondo monetario internazionale provvederà al resto. Juncker ha anche annunciato che nel 2010 Eurolandia verserà fino a 30 miliardi di euro. Fissata, invece, al 7 maggio la riunione dei capi di Stato e di governo dell'Eurogruppo, per dare il via libera definitivo al piano di stanziamenti.

Al termine della riunione dell'Eurogruppo il presidente della Bce Jean-Claude Trichet ha dichiarato che l'attivazione del piano di aiuti alla Grecia era "necessaria per garantire la stabilità della zona euro". Sull'intesa, raggiunta a Bruxelles, ha espresso il suo plauso anche il ministro italiano dell'Economia Giulio Tremonti, che ha parlato di "accodo positivo".

La Grecia si prepara a una manovra choc:




Guarda anche
:

Grecia, Papandreou annuncia l'accordo sugli aiuti
Tensione ad Atene, scontri al Primo maggio
Crisi Grecia, verso l'accordo sblocca-aiuti
I conti pubblici della Grecia sono “spazzatura”
Tremonti, pronti a presentare decreto per aiuti

Leggi tutto