Svolta in casa Fiat, John Elkann è il nuovo presidente

1' di lettura

Luca Cordero di Montezemolo dopo 7 anni lascia il vertice del Lingotto: "E' finito il mio ruolo di traghettatore. Non scendo in politica". John Elkann: "Avrei voluto ci fosse mio nonno oggi". Più 9% in Borsa

Svolta storica alla Fiat. Luca Cordero di Montezemolo ha lasciato dopo 7 anni la presidenza del Lingotto. Al suo posto subentra John Elkann, già vicepresidente.
Elkann assume così la guida, ed entra nella storia dell'azienda come il più giovane presidente che abbia avuto finora il Lingotto.

La notizia è stata premiata dai mercati: in Borsa, il titolo ha corso guadagnando il 3,3% con scambi più che sostenuti, anche sulle voci riguardo al fatto che il nuovo Piano industriale - che verrà presentato mercoledì dall'ad Sergio Marchionne - prevederà lo spin off del settore auto.

Tornando alla nuova 'fase' che si apre ora per il Lingotto, l'uscita di scena di Montezemolo era in realtà già trapelata appunto nei mesi scorsi quando erano iniziate a diffondersi le voci dello scorporo del settore auto. Montezemolo, intanto, continua a smentire le indiscrezioni secondo cui sarebbe pronto a scendere nell'agone politico: "Forse in un'altra vita..." ha tagliato corto l'imprenditore.

"Ho ritenuto che il mio ruolo di traghettatore fosse arrivato a conclusione - ha detto Montezemolo - perché le condizioni che c'erano nel maggio 2004 sono venute meno. C'era la situazione di una famiglia che aveva perso in meno di due anni i suoi due leader in un momento difficile per la Fiat. In quel momento, inoltre, non c'era un erede e l'azienda era in condizioni difficili. Oggi non c'è più un'azienda vicina alla bancarotta, le condizioni sono cambiate, c'è John che ha 35 anni suonati, che è diventato presidente di Exor, leader della famiglia, ha lavorato con me e Sergio in questi anni, e diventerà presidente dell'accomandita. Credo che il mio lavoro sia finito, continuerò ad occuparmi, spero ancora di più della Ferrari e - ha concluso - continuerò ad essere vicino a questi ragazzi".

"Domani sarà una giornata importante per Fiat e per me. Oggi penso a mio nonno e a quanto mi avrebbe fatto piacere che fosse con noi". John Elkann, che prenderà il posto di Luca Cordero di Montezemolo come presidente Fiat, ha descritto così le proprie emozioni alla vigilia del passaggio
di consegne che sarà sancito dal Cda previsto per domattina. "Sono molto orgoglioso e felice di questo - ha aggiunto - e sono molto grato alla mia famiglia per la sua fiducia".
"Alla Fiat non ci saranno vicepresidenti" ha aggiunto Elkann spiegando poi che Marchionne non entrerà nell'accomandita di famiglia. "Mia zia Maria Sole - ha spiegato - ha dimostrato grande stima per Marchionne, stima che condividiamo tutti. Anche se oggi la tendenza nella famiglia è avere un'accomandita con sempre più familiari".

Leggi tutto