Bankitalia: debito pubblico aumenta, entrate fiscali -2,5%

1' di lettura

Il bollettino di Via Nazionale: “A febbraio a quota 1.795,066 miliardi di euro”. Nei primi due mesi dell’anno oltre mille miliardi di entrate tributarie in meno

Sale ancora il debito pubblico italiano: a febbraio si è attestato a quota 1.795,066 miliardi di euro, conto i 1.788,134 di gennaio. Lo scrive Bankitalia nel Supplemento al Bollettino statistico dedicato alla finanza pubblica. In calo invece il dato delle entrate tributarie nel primo bimestre dell'anno: a gennaio-febbraio di quest'anno si sono attestate a quota 53,479 miliardi di euro, in calo rispetto ai 54,892 del primo bimestre del 2009. Nel solo mese di febbraio 2010 le entrate tributarie sono state pari a 24,670 miliardi di euro, in calo del 2,1% rispetto ai 25,217 miliardi di febbraio 2009.

Il debito pubblico italiano a febbraio sale dunque per il secondo mese consecutivo e sfiora il record assoluto che era stato toccato a ottobre 2009, quando aveva raggiunto quota 1.802,179 miliardi di euro. Da ricordare che il dato diffuso oggi dalla Banca d'Italia è il debito in valore assoluto. Non è dunque il dato valido ai fini del Patto di Stabilità europeo che invece considera il debito in rapporto al prodotto interno lordo. Il debito pubblico italiano a febbraio risulta in crescita dello 0,3% rispetto al mese precedente e del 5% rispetto a febbraio 2009.

Guarda anche:
I conti pubblici della Grecia sono “spazzatura”

Leggi tutto