I conti pubblici della Grecia sono “spazzatura”

1' di lettura

Gli analisti dell’agenzia Fitch hanno tagliato di due livelli il merito di credito dei conti greci. Un ulteriore taglio porterebbe il ratig ellenico al livello “Junk”. Intanto Atene ha ottenuto l’appoggio incondizionato da parte d’Italia e Francia

Nuovo taglio del rating della Grecia, che scende a un soffio dal livello “junk”, ossia spazzatura. Intanto i prestiti promessi dalla Ue e dal Fondo monetario internazionale per Atene si fanno più concreti: Francia e Italia fanno sapere di lavorare insieme, mentre filtrano indiscrezioni su un accordo europeo ormai raggiunto per sbloccare i fondi, e su una conference call straordinaria della Banca centrale europea.
   
Bersagliata da giorni dalla speculazione finanziaria, la Grecia oggi ha tirato un sospiro di sollievo: i rendimenti dei titoli di Stato sono scesi, e anche l'euro ha recuperato terreno nonostante la nuova bocciatura del rating greco. Gli analisti dell'agenzia Fitch hanno tagliato di ben due livelli, da 'BBB+' a 'BBB-', il merito di credito della Grecia, mantenendo negative le prospettive sul loro voto. Un ulteriore taglio porterebbe il rating di Fitch al livello “junk”, ossia spazzatura, che equivale a considerare i titoli di Stato greci un investimento così rischioso da essere puramente speculativo.
   
Il ministro delle Finanze greco George Papaconstantinou ha detto che Atene "non ha intenzione di fare ricorso" al meccanismo di sostegno Ue-Fmi, ma i mercati non gli hanno creduto e puntano su aiuti imminenti. A confortarli, oggi, è arrivato il rinnovato impegno di Francia e Italia: il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha detto da Parigi che è un "dovere dare un supporto alla Grecia", e che aiutare Atene è "un nostro interesse" per evitare "conseguenze negative per la moneta comune e la nostra economia". Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, ha aggiunto che la Ue è pronta ad attivare gli aiuti "in qualsiasi momento". "Ogni volta che l'Ue ha attraversato una crisi - ha detto Sarkozy - ha saputo reagire a tempo e nel modo giusto. Italia e Francia, su questo punto, hanno esattamente la stessa posizione".

GUARDA ANCHE:

Crisi Grecia, accordo Sarkozy-Merkel sugli aiuti
Frattini: "L'Europa faccia la sua parte"
Juncker: "Ue pronta a intervenire"
La Commissione Ue smentisce il piano di aiuti
Grecia, pil in ribasso e tensione alle stelle
Possibile creazione di un fondo monetarion europeo
Grecia, nuovo sciopero generale
Scatta il piano anticrisi. Pensioni congelate
Scontri durante lo sciopero generale

Leggi tutto