Fmi a Italia: servono riforme strutturali per ridurre debito

1' di lettura

Il Fondo monetario internazionale al termine dell'analisi sul nostro Paese: "Giusta la risposta alla crisi. Ripresa fragile e modesta. Ridurre il peso del debito”. Tremonti: “Riforma fiscale è la sfida dei prossimi tre anni”

Il Fondo monetario internazionale chiede all'Italia di realizzare le riforme strutturali necessarie per ridare spinta all'economia e consentire al deficit di riportarsi sotto la soglia del 3% del Pil come previsto dalle norme europee. In una nota diffusa al termine della missione in Italia l'Fmi ricorda che la ripresa italiana è "modesta e fragile" e che l'obiettivo di tagliare il disavanzo entro il 2012 al 3% si basa su premesse ottimistiche. Per questo occorre spingere sulle riforme. Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti commentando la nota del Fondo ha detto: "Raccogliamo la sfida sulle riforme strutturali. La riforma delle riforme è quella fiscale".

Guarda anche:
Istat: sale la disoccupazione, nel 2009 persi 380mila posti
Istat, Pil giù del 5,1%. Mai così male dal 1971
Economia Ue, Barroso: bisogna portare la crescita al 2%
Istat, nel 2009 disastro dei conti pubblici
Crisi, Ue: "Ripresa debole ma ancora fragile"
Crisi, Berlusconi: siamo riusciti anon aumentare le tasse

Leggi tutto