Fiat, Epifani: “Unico tiro al bersaglio è sui lavoratori”

1' di lettura

Il leader della Cgil replica alle dichiarazioni dell'amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne che aveva lamentato un tiro al bersaglio contro il Lingotto da parte di politici, sindacalisti e alcuni imprenditori

Il tiro al bersaglio "è quello contro i lavoratori". Così il segretario generale della Fiat, Gugliemo Epifani, ha risposto all'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, che ieri, in assemblea, aveva lamentato un tiro al bersaglio contro il gruppo. "L'unico tiro al bersaglio che vedo è quello contro i lavoratori - ha detto Epifani a margine del convegno di commemorazione di Ezio Tarantelli all'Università La Sapienza di Roma -. E anche i lavoratori non possono essere oggetto di tiro al bersaglio".

Guarda anche:
Marchionne: “Su Fiat tiro al bersaglio”
Fiat, il nuovo piano: 8 modelli e 5 mila dipendenti in meno
L'Europa sorride alla Fiat: più immatricolazioni a febbraio
Marchionne: mercato auto si normalizzerà nel 2013
Fiat, primavera fredda. A Mirafiori nuova cassa integrazione
Fiorello scrive a Marchionne: salvare Termini Imerese

Leggi tutto
Prossimo articolo