Istat, crollo degli acquisti alimentari

1' di lettura

L’Istituto nazionale di ricerche statistiche ha pubblicato una ricerca sugli acquisti di alimentari. Da quanto rilevato gli italiani comprano sempre meno generi di prima necessità. Un calo anche su scarpe e vestiti ma meno consistente

L'Istat segnala che il calo delle vendite su dicembre (-0,5%) è la sintesi tra il -1% delle vendite alimentari (il dato peggiore da aprile 2007) e dello 0,3% dei prodotti non alimentari. Rispetto a gennaio 2009 le vendite alimentari sono diminuite del 3,3% (il calo più consistente da marzo 2009) mentre quelle dei prodotti non alimentari sono diminuite del 2,3%. Gli indicatori precisa l'Istat si riferiscono al valore corrente delle vendite e incorporano quindi sia la dinamica della quantità sia dei prezzo.
   
Il calo tendenziale è stato forte soprattutto nelle imprese della grande distribuzione (-3,1%) mentre le imprese operanti su piccole superfici hanno segnato un -2,2% su gennaio. Nell'alimentare le imprese della grande distribuzione hanno segnato un calo delle vendite del 3,5% mentre le imprese operanti su piccole superfici hanno registrato un calo delle vendite del 3,1%. Nel comparto non alimentare le aziende della grande distribuzione hanno segnato un calo delle vendite del 2,9% a fronte del calo del 2% dei piccoli negozi.
Nell'alimentare gli ipermercati e i supermercati hanno perso il 3% del fatturato al livello tendenziale mentre i discount alimentare hanno segnato un -2,9%.
   
Sul calo complessivo del 2,6% delle vendite a gennaio spicca quello dei prodotti farmaceutici (-4,2%) e delle dotazioni per l'informatica (-4,3%). Reggono meglio la crisi l'abbigliamento e le calzature (-1,2% per entrambi i comparti) la foto ottica (-0,6%) e il settore dei giocattoli, sport e campeggio (-0,9%).


GUARDA ANCHE:

Istat: sale la disoccupazione, nel 2009 persi 380mila posti
Istat, Pil giù del 5,1%. Mai così male dal 1971
Economia Ue, Barroso: bisogna portare la crescita al 2%
Istat, nel 2009 disastro dei conti pubblici
Crisi, Ue: "Ripresa debole ma ancora fragile"
Crisi, Trichet rassicura l'Europa: nessun contagio dalla Grecia
un italiano su dieci rinuncia alle cure mediche perché care
Crisi, Berlusconi: siamo riusciti anon aumentare le tasse

Leggi tutto