Istat: inflazione più lenta a febbraio

1' di lettura

L’Istituto Nazionale di Statistica ha rilevato un leggero rallentamento del tasso d’inflazione per il secondo mese dell’anno. I prezzi, quindi, aumentano ma molto meno del mese precedente. Il comparto con il maggiore aumento: trasporti +3,5%

L'Istat segnala che l'indice armonizzato a livello europeo segna una variazione nulla su gennaio e un +1,1% su febbraio 2009. Per le famiglie di operai ed impiegati (indice Foi) l'aumento dei prezzi è stato dello 0,1% rispetto a gennaio e dell'1,3% rispetto a febbraio 2009, sia con i tabacchi che senza. L'inflazione acquisita per il 2010 è dello 0,7%.
    
Gli incrementi congiunturali più forti - segnala l'Istat a proposito del Nic, indice per l'intera collettività - sono stati registrati nel comparto abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+0,3%), nelle comunicazioni (+0,7%) e nel comparto degli spettacoli e ricreazione (+0,3%). A livello tendenziale gli aumenti più forti ci sono state nelle bevande alcoliche e tabacchi (+3,3%) e nei trasporti (+3,5%), negli altri beni e servizi (+3%) e nell'istruzione (+2,5%). Nel settore dell'abitazione, acqua e elettricità l'aumento congiunturale (+0,3%) si accompagna ad un calo tendenziale dell'1,4%.

GUARDA ANCHE:

Istat, Pil giù del 5,1%. Mai così male dal 1971
Economia Ue, Barroso: bisogna portare la crescita al 2%
Istat, nel 2009 disastro dei conti pubblici
Crisi, Ue: "Ripresa debole ma ancora fragile"
Crisi, Trichet rassicura l'Europa: nessun contagio dalla Grecia
un italiano su dieci rinuncia alle cure mediche perché care
Crisi, Berlusconi: siamo riusciti anon aumentare le tasse

Leggi tutto