Debito pubblico, Bankitalia: a gennaio +5,2% annuo

1' di lettura

Secondo quanto risulta dal bollettino di via Nazionale, il disavanzo è salito a 1.787.846 milioni di euro da 1.761.191 del dicembre 2009. In calo, nel frattempo, del 2,9%, rispetto al gennaio 2009, le entrate tributarie

Quadro non certamente felice quello offerto dall'ultimo bollettino di Bankitalia sulla finanza pubblica. Mentre, infatti, il debito nazionale continua ad aumentare, le entrate tributarie sono sempre in calo. Dalla tabella, diffusa il 12 marzo da via Nazionale, risulta che il disavanzo pubblico è cresciuto dell'1,5% rispetto a dicembre 2009 e del 5,2% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, raggiungendo la quota di 1.787.846 milioni di euro. Sempre in gennaio le entrate tributarie sono state di 28,809 miliardi di euro, determinando un calo del gettito fiscale pari al 2,9% rispetto al corrispondente mese dell'anno precedente. Il dato fornito dalla Banca d'Italia è, in ogni caso, relativo al debito in valore assoluto, mentre quello considerato ai fini del Patto di Stabilitò europeo è in rapporto percentuale al prodotto interno lordo.

Guarda anche:
Il nuovo record del debito pubblico nel dicembre 2009

Leggi tutto