Crisi, cassa integrazione a 18 mesi

1' di lettura

Sei mesi in più di cassa integrazione ordinaria: è quanto prevede un emendamento approvato in commissione Lavoro con un sì bipartisan. La misura è in via sperimentale e riguarda il biennio 2010-2011

La commissione Lavoro della Camera ha approvato l'allungamento della cassa integrazione da 52 a 78 settimane con un sì bipartisan.

La norma, presentata come emendamento, è a firma del relatore Giuliano Cazzola (Pdl) e modifica il testo base sugli ammortizzatori sociali, che unifica diverse proposte di legge. Lo riferisce lo stesso Cazzola. Adesso si aspetta il parere delle altre commissioni e poi si darà mandato al relatore e la si caratterizzerà per l'aula.

"Si tratta - ha commentato Cazzola - di un risultato bipartisan in un clima difficle come l'attuale che per la prima volta realizza convergenza su problemi che riguardano il lavoro. Vedremo se siamo in condizioni di realizzarlo a breve o se l'organizzazione dei lavori parlamentari lo farà slittare a dopo le elezioni". La misura approvata è in via sperimentale e riguarda il biennio 2010-2011: si passa da un anno ad un anno e mezzo di cig ordinaria.

"La commissione Lavoro della Camera ha approvato all'unanimità alcune modifiche al testo sugli ammortizzatori sociali. Il Pd ha votato gli emendamenti del relatore di maggioranza, Giuliano Cazzola, che hanno migliorato il documento base. Si tratta di un primo risultato della battaglia condotta in commissione dal Pd che ha presentato 5 proposte di legge che ora vengono unificate": così Cesare Damiano, capogruppo Pd in commissione Lavoro.

"Il testo - spiega - prevede che ai lavoratori ancora in attività ma che non ricevono stipendio pur non essendo in cassa integrazione o mobilità, vengano corrisposte le retribuzioni da parte di un fondo presso l'Inps. In secondo luogo viene migliorata l'erogazione delle tutele per i lavoratori a progetto che sono stati licenziati, attualmente corrisposta al 30 per cento della retribuzione dell'anno precedente. Infine, viene definita una misura estremamente importante per fronteggiare la crisi: il Pd ha avanzato la proposta di raddoppiare la durata della Cassa integrazione ordinaria, portandola da 12 a 24 mesi. La maggioranza ha accolto un prolungamento pari a 6 mesi. Pur non essendo del tutto soddisfatti - conclude - riteniamo che le proposte avanzate e la pressione esercitata dal Pd abbiano consentito di raggiungere questi primi risultati. Riproporremo i nostri emendamenti, momentaneamente ritirati, in aula quando verra' calendarizzata la discussione sugli ammortizzatori sociali".

Leggi tutto