Finanziaria, via libera definitivo Senato senza fiducia

1' di lettura

Da Palazzo Madama approvazione della manovra 2010. E mentre Bricolo parla di "prova di volontà al dialogo" da parte della maggioranza, l'opposizione resta critica sui contenuti

La finanziaria ottiene il via libero definitivo del Senato senza il ricorso al voto di fiducia. Ultimo nel suo genere, perché sarà soppiantato dalla legge di stabilità, il provvedimento contiene, tra l'altro, la banca del Sud, il taglio delle poltrone di consiglieri e assessori negli enti locali, il pacchetto welfare e il rinnovo del patto per la salute, con un incremento di 584 milioni per il 2010 e di 419 milioni nel 2011. Piena soddisfazione è stata espressa dal presidente Renato Schifani, mentre la maggioranza ha rivendicato la disponibilità al dialogo. Critiche dal Pd, per il quale la finanziaria non si risolve nessuna delle preoccupazioni delle famiglie e delle imprese.

Leggi tutto