Il Puf di Cuneo venduto e riaffittato dallo Stato

1' di lettura

Un'ennesima storia di sprechi nella pubblica amministrazione, documentata dalla rubrica "Di Tasca Tua". Si parla, questa volta, di un immobile demaniale venduto a privati che a loro volta lo hanno dato in affitto a uffici pubblici

Quello del Puf di Cuneo potrebbe essere indicato come caso da manuale relativamente all'affaire cartolarizzazioni. Si tratta di un palazzone che domina la città e che ospita gli uffici finanziari. Inaugurato nel 2001 per un costo, a carico dello Stato, di 90 miliardi di lire, nel 2004, con le cartolarizzazioni, la proprietà è passata a un fondo immobiliare privato, che tra i soci ha la Bnl e la Pirelli. Il prezzo è restato top secret. Con il contratto di vendita è stato sottoscritto sottoscritto anche quello di locazione con l'Agenzia del Demanio: 3 milioni e mezzo all’anno, più un milione per la manutenzione ordinaria e straordinaria. Senza dimenticare che oltre il 30% del palazzo è disabitato.

Leggi tutto
Prossimo articolo