Nucleare, Scajola: solo a primavera i siti delle centrali

Il ministro per lo sviluppo economico Claudio Scajola
1' di lettura

Il ministro dello sviluppo economico smentisce le voci degli ultimi giorni sulle sedi delle future centrali nucleari

Sui siti per il nucleare al momento ci sono state solo "chiacchiere che non corrispondono alla realtà delle cose". I criteri per la definizione dei territori su cui sorgeranno i nuovi impianti nucleari saranno definiti in primavera. Lo ha chiarito il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, in merito alle polemiche di questi giorni sui siti per il ritorno dell'Italia al nucleare. "Che ci siano discussioni e polemiche - ha detto Scajola - mi pare naturale."

Dopo venti anni con una discussione serena, pacata e ragionevole, il Parlamento ha riscritto il rientro nel nucleare civile". Parlando a margine di un convegno alla Farnesina, Scajola ha precisato: "C'è un percorso, lo statuto dell'agenzia è in via di firma con diversi concerti. Io l'ho già firmato. Poi c'è la definizione dei siti attraverso i criteri che in primavera saranno affrontati, tutto il resto sono chiacchiere che non corrispondono alla realtà delle cose". Il ministro ha aggiunto: "Li definiremo in primavera con la definizione dei territori del paese che hanno le condizioni perché gli operatori possano realizzare gli impianti".

La polemica è scoppiata quando il portavoce dei Verdi ha diffuso la lista con le località scelte dal governo per le nuove centali nucleari (lista che si può leggere cliccando qui). La lista è stata smentita martedì 8 dicembre dall'Enel, sostenendo che si tratta in realtà di progetti vecchi di trent'anni. Ora è il ministro per lo sviluppo economico a precisare che i siti saranno decisi solamente in primavera.

Leggi tutto