Pensioni, Sacconi frena: bastano le riforme già fatte

1' di lettura

Secondo il ministro del Welfare una riforma degli ammortizzatori sociali sarà possibile solo dopo la fine della crisi. Dello stesso parere il presidente dell'Inps Mastropasqua, mentre la Marcegaglia cisa: Si può fare di più

Lo dice il governatore di Bankitalia oggi. Lo aveva detto qualche giorno fa il presidente della Banca centrale europea, Trichet: all'Italia servono le riforme strutturali. E quella previdenziale è tra le priorità. A stretto giro di posta arriva la replica del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi intervenuto a Montecitorio alla presentazione annuale dell'Inpdap, l'istituto di previdenza della pubblica amministrazione. Per Sacconi le riforme fatte sulle pensioni sono più che sufficienti. A partire dal provvedimento previsto dal pacchetto anticrisi. Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente dell'Inps, Antonio Mastropasqua: il sistema è solido. In sintonia con Draghi è invece il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia: si può fare di più.

Leggi tutto